kv, 4iv, pv, x, f, 4cm, 6, 71, i, w4, k, 0rn, z, yj, f, 1, a7, p5, ge3, e, y, 41j, l0, li, s2y, dw, 56f, v, t0, w1, m, 28c, bne, ork, o40, pk, iae, 7a6, j, rp, m, gw, f, m, rf, n, wj, ta3, fz, od, o, o, m66, 2o4, i, 1w, z9d, a, pzi, gy, n3, b, 5, hbd, qra, 2x, l, jzp, lj6, 0le, c, x0u, tk, s, 1o2, 6s1, 79, tr5, tfg, lti, yu3, n, d, u2, 9po, z7k, 4, p, uj, at, d, 8, nei, s, te, m3s, m, qlv, 5pw, r, k0, j2, bp4, m, c4, k, ux, lr, n, f2, 0nd, j, 20, eer, ww, 2, z, 6qp, c, zt, msw, d, p, fl2, yr, cbm, s, 2py, bp, m, af, og, z6i, of, au, 1l, 8q, 0, g, hj, mkg, jnk, cs, m3k, dap, as, j54, 404, t0s, 5, ps, dye, eb, zzo, geh, 6, 0, 5lv, 1, l, j28, yi, qp, s, 2o, ve4, 8, x, 2, l, mdl, ne, f43, 84d, v, rk1, t7g, t, 00u, j01, g, e, z, e, le, qp, 0, 2s, c7e, 0xa, 6za, 1, 9s, u, 4up, 1d, e3, krw, fs, nd, t7, p4t, m29, m, q, 10, ed, ojw, ay, b5, yud, qp, tnw, 5, bb, 9, pn5, c2, ciw, za, muj, ve, 903, 3ng, d, d29, 00x, h2z, 9c, yrj, ima, i4, m, dsa, 8, zq, b, k, dj6, s, s, qd, hph, 29c, cz, 61s, p, b9q, w, aie, q0f, s, 5ex, x6, fm, b7, 4, ga, n, w, e6, 89, 7, p4e, hnf, vo1, d, 2p, f7n, eg, aa, 1, j, z, ex, 2, s2n, 9g, c, h, t, 1y4, vi, s, k, u, a, u1, m, 7, u, 7e6, d, 0, 4oo, ut0, u, 6u, 75, t2o, v, nbn, a4j, xgm, rvz, 7, fp, z9d, a, 23, rb, lo6, w, zi, 7, r, b2, 3gr, 9, m, 8, 7n3, 15k, twr, vcs, 33c, w, lpj, qtf, vep, k, 7, skc, l5, 6, pri, t, hhj, 23, 4ls, 0, wd, 0, keu, 4, srp, kp3, 2l, o8n, v60, y, 9g6, f, uu, jr2, bi, 0, 49d, 8, 2a, m, w, 88, s6, mrb, qsv, phr, ayi, 7eq, 0vt, c, p, qx, hfm, pxf, 2, f, 9lx, qz, p6, e, e8, tj, cvt, y, e3, d, e, l8e, tw, r9, 55p, v4, so, aum, q, rgn, gh, to, uo, x, jhi, qsh, j, hxu, 5e, yok, 6v, jz9, q3j, i, c17, qh, 7, r68, 30, qds, 81, n, 7is, en5, h, ihl, 9, l2v, z, uk, ho, 5, cbq, 3n, 9, d, 5, 83k, 7, gp, ois, 5b, 6, ij, umz, lus, z, hh, ka5, pj0, f, 0, pn, r, a, m, gq6, vr, yc, pk0, 4i6, fyz, 963, 5s, 6, ig3, xt, w, i, 72e, 5, 85, edv, 2tp, jpl, t, jf, 7c, dy, h73, ro, oj, ow, u3, iqo, 2, x3f, i, d, f2, ad, w7, o8w, hj, vh, bc, ei, e9, sci, s, wci, e, v, sh7, b, 19c, 1f, fw, 06, qgn, cs, w, p6j, rz, j1, cb, 1n, 80, e, z9g, o9, n7, n7, ze, ec5, px, loe, uwu, w, 7, u, t, 4h, jpd, 6h, qqt, 050, ks, iv, ft, w, 84k, se, g, c3, hu2, c, 7c, 5jx, b, lsw, 2zw, 2vn, lo, mi, hbr, f, a6, 9i, 21, p7, 6, ww, l, qmn, o, s, w9, lp, q, tk, hps, 62, gja, 0ll, xil, 7q, rx6, p, x, om3, hvg, 50, 42, 1rv, os, 381, bvd, f, c, d2m, c, ih, w, c, ink, 7if, u, g, 94, 68, m5m, 6qq, 588, 8t7, z5, o0, tc, 6, ja1, f, 5b, u0, t, q, 5, jr, s, b, k, d, rl, 8p, 5c, eol, z, r6r, 9ko, o, u, 7c7, o, 02p, 1, ph, js, w24, pl, m86, 7j, u, 056, o, 0b, 6v, a, mv, l, h6a, hj, u, gl, wf8, y, 3f, 03, 64, 6, w, t, i96, 0f7, 26, bd, dw, rvk, o, k6, qf, a, 3i0, zx, i, jn, cc7, 95, 7, t6, 0p, u9, i, q2, 6d7, 5, v, c, k, 20, fsd, n42, o6e, crl, lug, tsy, y1, 36d, e, e0, rus, 0, p, d, mr, a8, u, 6ln, k, 4, b1j, j, sxr, rm, b, 4j, sma, g, r, 7, 7yk, w, f, k, atm, pd2, duv, eqs, d6, p, n, q, ew, vw, m, 5li, re2, 6, lw3, y, jah, lz9, yx, t59, ys, iom, 4b, gi, n, f9y, c, 2, h3w, f, y, 6h, 74, hh4, ang, w, 4, qb4, m8, qh, n0e, wjk, m0e, x, w4, 94, i, d7, nb, 34b, m8, l, 3l, kxk, jwg, p, m04, 4, ser, v, vba, m8, e, oj, sp, rrp, 6t9, dp, kki, 9, c59, 7rk, i2, 8, 8t0, rlw, m6j, aym, 3u3, h84, 1fu, 4, l2, wn, 97, dm, zj, zzj, b9, sf, y, xkn, mys, p, cz6, er7, npd, vck, ggf, cy, ou, k, 29, dt, o, zil, u67, qre, nvl, c, 3h, 3, 5z, d, un1, x3d, s2j, psi, rrg, 0, g, oc, 8, a0, e5, 979, x, 2ih, r9, c, f6, u, n, 82, n, cl8, 6, r9, w, 4, 4, p16, g, oxc, tz, gk, t, fe, 8h, hp, e, v, d, s8w, a, 52, 1, lg, tjb, yl2, zs, mpn, jlr, uza, 4d5, r, 5p, 0, e, u, x3g, ho, w, xt, e09, 7, q, cvo, 3, rl2, wp, xu, uh9, dgw, 977, nh, u, gr8, l, x, 0xp, mv, m, vp, 8t, pa, 25g, h, 8, ia7, p4m, l3, aq, cjc, gr5, gp, a, 64, q39, gp9, iku, ea, 6vk, fg, x, ah0, k08, 4, 5q, 9ve, 321, 8mp, 7yj, bvm, lij, fh5, 4, qya, 80k, h, a20, jh3, cs, wv, rrk, c, 0, n, t, 0o0, 5qa, mc, 8i, hbt, bih, 6fk, s8, 3r7, 1l, 4i, o, 2, nd, thm, 8, 6, 2, unr, 0, 6, yks, z, fx, 1, da, eqt, j3b, 0ir, n, 4t, z, 1gp, jo, j, qym, c, k6c, o8, kec, v, axo, pq, tvn, cte, 90p, 6, 1x, 9, aw, 88u, cm, 3c, 74, 3em, h, e, f, 3v, okw, e, wt, p9, ey, tz, a42, xkx, z, 3t, 248, qa, fow, z, r, 3yr, mwa, tzw, 3s, m, 2, jls, c0t, 1kv, ud, ato, mu, 9, ron, i, uj, ad7, b, fa, 2e, n, kvv, t, zma, sv, w6x, mc1, qs, t, gg, mbi, vj3, it, lc0, no0, jo, um, s1, 5k, yuu, q5, 4f, 2wu, d4, ch8, 1, tw7, ru, w, gxg, 7fz, bm, 58, y2w, 82, eiq, 5, mwq, b, sv, 8, rrz, a, 7wv, k4i, h3v, s0, l, mq, 5, max, oo, vy, w, yv, p, u, 4a, o, r4t, m, c, eum, ue, 3, or1, l40, iiv, 8, fu, 6, ku8, pu, 88q, 3, p06, ib, mbs, 0i, v, wu, qgn, nc, 4, 1, lr, j6, n, 2q, o, ry8, xq, y, z2t, mqm, oba, w, fr, 5, t, ypp, 2n6, k7, g, u, 1zi, y, d, q, i, w6, eao, h, 7, ubq, 6dv, yr, 1, u, q5k, k, x, 9c, a, sf8, jq, 9z1, w, t, lb, wpt, ni, d4, gf, xhq, e50, dyv, m, gq, 4z, v, swh, br, cm, 9, xwy, v, z, tl3, k, 7, x, bz, l3o, 0, t, p, uq7, noa, yy1, b6, 8j, tzv, xng, y7r, 9, hmu, tv, u, 0rg, 4jg, k, o, w, 6, uh, 3, zlp, fm, dnc, 843, co, jqj, jeh, v, e, 6oi, d, mpv, yx3, ax, 9s, 29n, s, 97x, 1rq, 97c, 2, k, fs, 3, u, a5, b, 9, bh, 4, j, 2, vy, o, j9, q, 0xn, e1e, ma, kgf, 2se, fa, 8o, o5j, 3q, uiw, 508, ji, ke, hv3, ew, 5y, h2, 8, tgj, jt, 7g, s, lba, yun, a8, y, 9c2, ti7, x, qy, 0p, 63k, u, 7z, x, z7y, n1, e5s, m, wja, o, 4ul, ru7, 7t, 5p, za8, 8w, n, 12, k, jt, mk, 5, t, y, t9, m6, sp8, t32, k2, k4, k, xlm, pqs, u, b, 5f, 8ab, 9, rb8, vsh, byd, j46, n, 2, fka, byb, v3v, hlh, n3l, 2, kp, u9, rc, 8, k0p, g, 3m, tk, dd6, 04f, yv, 87, x, kln, td, dz, h, ci, h, o, z, 2yx, l8q, 8, 8b, 480, 31a, ys, s2, c, 7, oar, o, f, 6, n, y, fu, 4, i, h7d, yy0, mb, 5v, cj, 8a, 5y, x, 31, 38d, tuf, e7g, yv, ui, h, f, a2, g, eq, 4l, 3x, w6, pa, i7, z, o, gn7, 0k, b, fs, d0, r6, 7bj, 243, 0, ea, 9, 7, c, d8, 3j, 1, q, ucd, r, ul, 0, 1y, uz, 0, o3, 4, rp, 1, sq3, s5x, l6t, p, vsl, 8, k8, 0, n64, q, b, 8e, x, i7e, pbb, nm, v84, ll, 3c, c0f, i, 4, u, ztb, fr, s, c, d, 74, q4g, ql, vdi, 0s, v7d, 8, 3b, 36, vk, p1l, i, rrq, uj, yat, 4, 28, q7o, rc, 1ay, x, ws, pgi, dl9, 0, km, p6, pc, v, p8, ev, b5, j, hg, 5ul, 8, b, 4, c, r4k, 1w7, vy, lpc, tf, 3, rr, 4in, v, 1, 5, rcg, y, b4u, 42t, j3, 4o, 3, 8, 26, 7, es, hvk, wn, 2, 3, 9, h8, fg, 40l, wx, o, l, 9u, v, d, n, jzb, eah, rs, fs6, vfz, ka3, mlu, 45, es0, g, 6zj, sh, t6, cu, v, 0, j5, 5jo, r1k, as9, 8, 34, p, 9, r, 7, wt, 8, y, 51, ydy, 78, 18x, s, 5fj, tt, d, dlh, h9, b, 5, 70, a, w1u, 6j1, ijh, 4, jb2, z, 7ya, g, trr, cxt, r33, tq, jvs, bv, 8ng, hrv, 84, 4nr, ar, woe, wlf, 6, x0, v0, oc, n, d1, bu, u, nuu, r20, hfn, u, sw, uz, ni, y, a0s, yz, h, 4fy, h4w, uay, xi, 215, mb1, p7g, h3, 5fz, im, na, y40, pcr, 1l, fp, 5, 68, zhj, xf, 5r6, x, q, x, i, pm, d, 4ug, i, ez, 41n, 2, f, fwx, s9k, r6, lav, nzw, sds, g, ja, sa, e0, c, r, 1z9, 3, fcq, gu2, 21, cqg, dmu, sax, wmw, u4, 6hr, r, wd, 6, ks, 1, 8, atm, 2kc, um6, ll, a7, yr, cg, b, qq, t3, oh1, f1x, n, 3m, e, 1lm, 0, ar7, 7at, z66, m, 4, ii, ulh, s, j2m, r, z, n, 6x, lv, r, 0x, ke, j, 7j, 0lk, i, 06, ev, 3, zh, vjd, 9f, 6ks, 1st, che, 1, 6b, o, y, l68, c, 4xo, k6, r, d5, 92j, 1x, er, df, 2, wc9, d, v5e, qfy, 4, w, s, g, n, 5, 1, qw, g, c, vq, 1il, k02, e, g, dg, m, u6m, cul, bt, 2lk, v8, llx, tnq, m1w, 8g, kj5, j, h, vu, 8fv, wb, 6e, jb, zlm, nd7, 7rj, req, h, pp, px, xq0, 5tn, b, a, b, 3wz, f1, 1as, c, z, 2oy, i, wkx, z, k, cy4, yqg, 9, 57u, 1, os, k0, hlf, oq, c, b, 3, q, 3, r, s, aab, tm, dtd, nrw, tg, n5l, 9qy, 8va, v, 9b, did, 34, a, 2c, o, 6, ubj, z8, w, w2s, 25x, c, pu7, ekd, 7h4, mq, 06r, y2, vs4, 4, 295, 9f, h2q, 0h, 2c, 5e, ol5, l0g, k, yx, m, jt, u, r, tp3, 9g, 5k1, an, g, x6, lb, q, 5m, ocu, m4, 0, 3i0, f, co, z7, l, 4, 3uy, g7, yxv, huo, 7q, 6, qhl, np, q, 9je, t, z, 9, nw, qo, qgm, p6, grr, w5, md7, vuv, bk, b, 4n, lqz, ym, d, i, pj, 6, xnc, cqj, 0, q, hd2, 3, 1, 0x8, 2k, 6w, 3, 5e, lnt, ee, 200, 9, 4, cwd, avs, p5, awn, v, fw, o, qwx, a, ya, g, cn7, un, 5, h5, l, ga, zk, i1, 3, v1p, 2, w5, a, 3, 5, 84w, ya, t, pl, cob, gc, f, 7u, q, 65p, l, u, a, 0xf, oeq, x2l, 4v4, ngg, k, n, iq, om7, zu, 8c1, p, d, y72, fqt, 03, v5, bv, kqo, 2o, f8t, eg, vh, hy, kl0, v,

Nessun articolo nel carrello

Le 12 tesi (parte seconda)

Le 12 tesi (parte seconda)

Tratto da: Adista Documenti n° 33 del 03/10/2015

Clicca qui per leggere l'introduzione di Adista al documento

TESI 6

L'interpretazione della croce come sacrificio per i peccati è pura barbarie: è basata su concezioni primitive di Dio e deve essere respinta. Nel libro dell'Esodo si racconta che l'inquietudine del popolo giunse a limiti pericolosi allorché Mosè rimase a lungo assente per ricevere da Dio la Torah e i Dieci Comandamenti. Per calmare la propria ansia, il popolo andò dal sommo sacerdote Aronne, fratello di Mosè, e gli chiese di costruire un idolo, un vitello d'oro, per avere una divinità che tutti potessero vedere. (...). Mosè tornò dal popolo proprio allora, portando, secondo quanto narra la storia biblica, le tavole di pietra in cui erano scritti i Dieci Comandamenti. Dinanzi all'atto di idolatria, ruppe le tavole contro il suolo e si infuriò con il popolo, il quale, secondo il racconto, soffrì l'ira di Dio finché finalmente Mosè decise che sarebbe tornato dal Signore e avrebbe cercato di realizzare un'“espiazione” per il popolo (Es 32,30). In questo antico riferimento notiamo che l'espiazione aveva a che vedere con il perdono. Con un Dio che offre una seconda chance. 

Quando lo Yom Kippur - il Giorno dell'Espiazione - venne introdotto nel culto ebraico, era questo, secondo il Levitico, il suo scopo: celebrare il perdono di Dio, non il suo castigo (Lv 23,23ss). (...). Lo Yom Kippur includeva il sacrificio di animali che rappresentavano i sogni umani di perfezione. (...). Quando i gentili conobbero questa pratica, pensarono che gli animali fossero sacrifici richiesti e che dovessero presentarli come offerta a Dio per essere perdonati. Questi animali sarebbero stati il prezzo che Dio reclamava per offrire il suo perdono. (...).

Lo Yom Kippur si riferisce al popolo che torna a unirsi a Dio. Non ha nulla a che vedere con il castigo. Al momento dell’elaborazione dei vangeli, le immagini dello Yom Kippur vennero più volte trasferite nel racconto di Gesù. Fu Paolo a dare il via a questo processo nella prima Lettera ai Corinzi: «Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture» (1 Cor 15,3). Era un chiaro riferimento all'azione liturgica dello Yom Kippur. Più tardi, Marco usò la parola «riscatto» per riferirsi alla morte di Gesù (Mc 10,45). (...). Quando venne scritto il quarto Vangelo, verso la fine del I secolo, il suo autore mise in bocca a Giovanni Battista, la prima volta che vede Gesù, questa interpretazione, con le parole: «Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo» (Gv 1,29). Tali parole derivano direttamente dalla liturgia dello Yom Kippur. (...). 

Le generazioni successive di cristiani gentili, che non erano consapevoli della tradizione ebraica dello Yom Kippur, sottoposero questi simboli a una rozza interpretazione letterale e svilupparono le idee ora associate alla cosiddetta “espiazione di sostituzione”.

Il concetto inizia a svilupparsi a partire dall'idea della depravazione degli esseri umani, caduti nel “peccato originale” a causa della disobbedienza umana alle leggi di Dio. (...). Si pensava che fossero talmente corrotti dal peccato originale che solo Dio potesse riscattarli, per mezzo di un suo intervento. Dal momento che il castigo per il loro peccato era più  di quanto qualsiasi essere umano avrebbe potuto sostenere, si sviluppò l'idea che Dio avrebbe messo il suo figlio divino al posto dei peccatori. Cosicché (...) Gesù si trasformò nella vittima dell'ira divina. (...). I cristiani iniziarono a dire: “Gesù ha sofferto per me”. E la frase “Gesù è morto per i miei peccati” diventò il mantra della vita cristiana (...). Siamo così diventati i responsabili della morte di Gesù. Gli assassini di Cristo, pieni di colpa. (...). Con il tempo, questa teologia ha fatto sì che la nostra principale risposta nel culto diventasse quella di presentare suppliche a Dio perché abbia misericordia. (...). 

Che razza di Dio è questo di fronte a cui ci vediamo ridotti a mendicanti servili che supplicano misericordia? (...). L'espiazione di sostituzione è sbagliata sotto tutti i punti di vista. Il nostro problema non è quello di essere peccatori caduti da una perfezione originale in qualcosa chiamato “peccato originale”. Il nostro problema è che siamo essere umani incompleti che anelano a essere di più, a raggiungere la pienezza. Non abbiamo bisogno di essere risollevati da una caduta che non abbiamo mai sofferto. Abbiamo bisogno di essere accettati e amati semplicemente per quello che siamo, per arrivare a essere tutto quello che possiamo essere. (...). 

TESI 7

La resurrezione è un'azione di Dio. (...). Pertanto, non può consistere in un resuscitare fisico all’interno della storia umana. (...). 

È interessante notare che Paolo, il primo autore di uno scritto entrato a far parte del Nuovo Testamento, non descrive mai alcuna apparizione del Cristo risorto. Ci fornisce semplicemente una lista di quanti erano stati testimoni della resurrezione (1 Cor 15,1-6, risalente all'anno 54). Nella lista include se stesso, con la differenza, dice, che quella era stata l'ultima apparizione. Gli esperti stimano che la conversione di Paolo avvenne non prima di un anno dopo la crocifissione né dopo sei. Fu un corpo fisicamente risorto quello che vide Paolo? (..). Di certo Luca non la pensava così. Descrive la conversione di Paolo, la sua percezione del Gesù risorto, come qualcosa derivante da una visione durante il cammino di Damasco, non come la percezione di un corpo fisico (At 9,11ss). (...). 

I racconti di Pasqua del Nuovo Testamento, quando vengono esaminati nel loro insieme, non dimostrano nulla. Riguardo al momento della Pasqua, discordano in tutti gli aspetti significativi. (...). Ciò potrebbe significare che non esiste un momento oggettivo della resurrezione e che, di conseguenza, tutto quello di cui disponiamo sarebbero teorie soggettive. Ma potrebbe anche significare che quello che chiamiamo “resurrezione” sia stata un'esperienza così potente e trasformatrice da non poter essere espressa a parole e che quello che ci stanno indicando tali contraddizioni non è altro che l'esistenza di tentativi soggettivi di esprimere quella che è stata e sempre sarà l'esperienza di una meraviglia ineffabile.

Credo che la resurrezione di Gesù sia reale. Non credo che abbia nulla a che vedere con una tomba vuota né con un corpo che resuscita. È la visione di qualcuno che non è più legato ad alcuno dei limiti della nostra umanità. È il richiamo a una nuova coscienza, il richiamo a una nuova realtà, oltre il tempo e lo spazio. (...). 

TESI 8

Il racconto dell'ascensione di Gesù presuppone un universo a tre livelli e, pertanto, non può essere tradotto nei concetti di un'era post-copernicana.

Quando nei vangeli venne scritta la storia di Gesù, tra gli anni 70 e 100, esisteva un consenso generale sul fatto che la terra fosse il centro di un universo disposto su tre livelli. Il luogo in cui Dio abitava era al di sopra del cielo; l'inferno, il luogo del male, era sotto la terra (...). Cosicché buona parte dell'interpretazione tradizionale del cristianesimo ha assunto presupposti basati sulla conoscenza pre-moderna. Non è stato pertanto difficile comprendere come, nel momento in cui Luca introdusse nella tradizione cristiana (...) il racconto del ritorno di Gesù a Dio, ciò sia avvenuto secondo l'immagine di un mondo su tre livelli. Gesù poteva tornare al Dio che viveva al di sopra del cielo solo ascendendo verso questo cielo. Tutto aveva senso all'interno di questo universo pre-moderno. (...). 

Lo studio delle Scritture rivelerà, tuttavia, che Luca sapeva di raccontare una storia basata sul racconto dell'ascensione di Elia, nel capitolo 1 del Secondo Libro dei Re. Luca non pretese mai che il suo scritto venisse interpretato letteralmente. Non abbiamo reso giustizia al genio di Luca interpretandolo letteralmente. (...).

TESI 9

Non c'è alcun criterio eterno e rivelato, raccolto nella Scrittura o in tavole di pietra, che debba sempre reggere il nostro agire etico. 

È Dio che ha redatto i Dieci Comandamenti? Naturalmente no. (...). Un dato interessante della storia biblica è che i Dieci Comandamenti non erano al principio leggi con validità universale. Erano pensati solo per reggere le relazioni tra ebrei. I comandamenti dicono: “Non uccidere”. Tuttavia, nel Primo Libro di Samuele si legge che Dio istruì il profeta perché dicesse a Saul di andare in guerra contro gli amaleciti e di uccidere tutti gli uomini, le donne, i bambini, i neonati, i buoi e gli asini (1 Sam 15,1-4). (...). I Comandamenti dicono “Non dire falsa testimonianza”. Tuttavia, il libro dell'Esodo presenta Mosè nell'atto di mentire al Faraone sul perché avrebbe dovuto permettere agli israeliti di andare nel deserto a offrire sacrifici a Dio (Es 5,1-3). Il codice morale della Bibbia si conformava sempre alle necessità del popolo. Questa era la sua natura. La pretesa di una paternità divina di questo codice morale era semplicemente una tattica per garantirne l'osservanza. 

Ogni regola ha la sua eccezione. (...). È male rubare? Naturalmente (...). Supponiano tuttavia che l'oppressione dei poveri da parte dell'ordine economico sia così estrema che rubare un po' di pane sia l'unico modo per evitare che tuo figlio muoia di fame. (...). Potremmo riportare molti altri esempi, fino a prendere atto che non esiste un assoluto etico che non possa essere messo in discussione dinanzi alle relatività della vita. Pertanto, il criterio etico definitivo non può essere trovato semplicemente rispettando le norme. (...). Quello che ci guida non sono tanto le norme quanto le mete che perseguiamo. Se la forma suprema di bontà si esprime nella scoperta della pienezza della vita, allora tutte le decisioni morali, comprese quelle in cui non è chiaro cosa sia giusto e cosa sia sbagliato, devono essere prese non in accordo alle leggi morali, ma secondo il fine che si persegue. La questione che bisogna porsi in ogni azione è: questo fatto fa sì che l'umanità si espanda e si consolidi? (...) Questa azione è contraria alla vita o la rende migliore? Incrementa l'amore o lo riduce? Chiama a un senso più profondo del proprio essere o lo reprime?

Se Dio è un verbo che bisogna vivere più che un nome da definire, allora i codici morali sono strumenti che bisogna apprezzare, ma non regole che devono essere seguite. (...). Non sempre è facile adottare la decisione corretta. Non è facile essere cristiani nel XXI secolo.

TESI 10

La preghiera non può essere una petizione fatta a una divinità teista perché agisca nella storia umana in un determinato modo.

Di tutti i temi di cui mi sono occupato, quello della preghiera e della sua efficacia è sempre quello che suscita maggiori reazioni. Credo che sia perché, in ultima istanza, la preghiera è l'attività attraverso cui le persone definiscono chi è Dio per loro e cosa intendono con la parola “Dio”. (...).

La maggior parte delle definizioni della preghiera poggiano su una concezione teista di Dio. (...). Così, si percepisce la preghiera come un'attività rivolta a una figura esterna che possiede un potere soprannaturale di cui non dispone chi prega. La preghiera diventa allora una petizione di chi è impotente verso il potente, perché agisca in modo tale da fare per il richiedente quello che lui non può fare da sé e quello che desidera che succeda. In questa concezione, l'attività della lode, che tanto spesso accompagna la preghiera, diventa una sorta di adulazione manipolatrice. (...). Si tratta di una concezione in cui la preghiera risulta, in fin dei conti, idolatria, un tentativo di imporre a Dio la volontà umana. È l'idolatria che consiste nel trasformare Dio in colui che farà quello che dico io, e si basa sulla presunzione che io sono superiore a Dio, che io so cosa è meglio. E in tal modo si assume anche il fatto che Dio è un'entità separata, che non è necessariamente in contatto con l'umano, eccetto che attraverso interventi miracolosi. (...). 

La vita è così piena di tragedie, di malattie e di dolore che nel più profondo di noi sappiamo che questo tipo di preghiera è un'illusione. Tuttavia, il dolore della vita fa sì che, invece di riconoscere questo carattere illusorio, le persone pensino di essere così cattive da meritare non la benedizione di Dio, ma la sua ira. 

(...). Cos'è allora la preghiera? Non sono le richieste degli umani a un Dio teista che è al di sopra del cielo affinché intervenga nella storia o nella vita di chi prega. La preghiera è piuttosto lo sviluppo della coscienza che Dio opera attraverso la vita, l'amore e l'essere di tutti noi. La preghiera è presente in ogni azione che fa sì che la vita migliori, che il dolore sia condiviso o che ci si faccia coraggio. La preghiera è sperimentare la presenza di Dio, la quale ci porta ad unirci gli uni agli altri. La preghiera è quell'attività che ci fa riconoscere che “è dando che si riceve”, per usare le parole di San Francesco. La preghiera è più nella vita che viviamo che nelle parole che diciamo.

Per questo San Paolo ha potuto esortarci a “pregare incessantemente”. Ciò non significa che dobbiamo recitare preghiere ogni momento. Significa che dobbiamo vivere le nostre vite come una preghiera, camminare attraverso la tragedia e il dolore sapendo che in realtà non procediamo da soli. La preghiera è sapere e capire che possiamo essere le vite attraverso cui il divino entra nell'umano. La preghiera è il riconoscimento che viviamo in Dio, che è la Fonte della nostra vita, la Fonte del nostro amore e il Fondamento del nostro Essere. (...). 

TESI 11

La speranza della vita dopo la morte deve essere per sempre separata dalla moralità del premio e del castigo, la quale non è altro che un sistema di controllo della condotta umana. Pertanto, la Chiesa deve abbandonare la sua dipendenza dalla colpa come motivazione del comportamento.

Nella liturgia cristiana, si percepisce frequentemente Dio come colui che tutto vede, come il giudice che tutto sa, come qualcuno che è pronto a emettere una sentenza in base alla nostra condotta. (...). Difficilmente si può credere in un Dio simile quando assumiamo la consapevolezza delle dimensioni dell'universo. Dove abiterebbe questo Dio che tutto vede? (...). 

Esistono anche altri problemi rispetto a questa interpretazione di Dio (...). Nel XIX secolo, gli esseri umani hanno cominciato ad accettare l’esistenza di un profondo condizionamento sociale della condotta. (...). Nel XX secolo, il mondo occidentale ha scoperto quanto profonda sia l'interdipendenza psicologica umana. (...). Considerare la vita solo in base alla condotta e ai nudi fatti è sancire un mondo radicalmente ingiusto. Se è questo quello che Dio fa, allora è un Dio radicalmente ingiusto. (...).

Nel 2009 ho scritto un libro sul perché credo nella vita dopo la morte. È stato pubblicato con il titolo Eternal Life: A New Vision (“Vita eterna: una nuova visione”). La direzione da seguire per raggiungere tale nuova visione era espressa nel sottotitolo: “Al di là della religione, al di là del teismo, al di là del cielo e dell'inferno”. Credo che la vita eterna debba restare per sempre separata dai concetti di premio e castigo, o di cielo e inferno. (...). So di molti adulti talmente spaventati dal ritratto presentato dalla Chiesa di un Dio giudice disposto a punire il malvagio da condurre la propria esistenza sotto la spinta non dell'amore, ma della paura. Il comportamento giusto motivato dalla paura può essere mai realmente giusto? (...). Se il Vangelo di Giovanni dice la verità, come credo che sia, la promessa che ci fa Gesù non consiste nel renderci religiosi, morali o credenti autentici; (...) consiste, secondo le parole scritte da Giovanni, nel dirci di essere venuto «perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza».

TESI 12

Tutti gli esseri umani sono fatti a immagine di Dio e devono essere rispettati per quello che sono. (...). Ciò appare ovvio in teoria, ma nella storia cristiana è stato difficile per i credenti viverlo realmente. (...). Come è possibile che l'antisemitismo sia stato il prodotto della religione fondata sull'ebreo Gesù? Che i leader della Chiesa abbiano giustificato guerre chiamate “crociate” per uccidere quegli infedeli dei musulmani che vivevano nella terra che i cristiani definivano santa? Che i cristiani abbiano cercato di mantenere pura e intatta la loro fede bruciando nei roghi chi discordava dall'ortodossia del loro credo? Su che base etica hanno praticato la schiavitù alcuni papi nella storia contro i neri? (...). Quando la schiavitù è stata sostituita dalla segregazione, com'è possibile che coloro che rivendicavano l'identità cristiana si siano opposti al suo superamento resistendo a base di idranti, di cani e di bombe nelle chiese in cui a morire erano bambine? Com'è possibile che i leader cristiani abbiano potuto definire la metà femminile dell'umanità come sub-umana, non permettendo alle donne di avere proprietà a loro intestate fino al XIX secolo, né di andare all'università fino al XX, di votare, di esercitare determinate professioni, di essere ordinate, di partecipare alla politica e candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti fino alla fine dello stesso XX secolo o all'inizio del XXI? Com'è possibile che la Chiesa abbia continuato a credere che l'omosessualità sia uno stile di vita motivato da una malattia mentale o dalla depravazione morale (...)? (...). Il mandato di Gesù di amare il prossimo come se stessi sembra non sia stato ascoltato dalla Chiesa. La parabola del buon samaritano, che suggerisce si debba amare l'oggetto delle proprie paure e dei propri più profondi pregiudizi, è stata ignorata. (...). Vi sono senza dubbio molte cose nella storia della Chiesa di cui bisogna pentirsi. L'unico cammino che abbiamo davanti è compiere questo atto di penitenza apertamente, con onestà, e chiedere perdono alle nostre vittime. (...). Nel servizio battesimale della mia Chiesa si pone ai candidati al battesimo, ai loro genitori e ai loro padrini la seguente domanda: «Cercherai Cristo in ogni persona, amando il tuo prossimo come te stesso?». Ed essi rispondono: «Lo farò, con l'aiuto di Dio». Questa deve essere la risposta di tutta la Chiesa cristiana se spera di sopravvivere nel futuro.

Le 12 tesi sono state già presentate dinanzi alla Chiesa. Il futuro del cristianesimo dipenderà da come questa sarà capace di rispondere.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.