Nessun articolo nel carrello

24 anni, medico: la prima diaconessa laica della Chiesa armena

24 anni, medico: la prima diaconessa laica della Chiesa armena

TEHERAN-ADISTA. L’anestesiologa 24enne Ani-Kristi Manvelian è stata ordinata diaconessa nella Chiesa apostolica armena (una delle Chiese ortodosse orientali) a Teheran, lo scorso settembre, dall’arcivescovo Sebouh Sarkissian, primate della diocesi. Si tratta di una novità assoluta, benché nella Chiesa armena questa figura esistesse già da secoli, ma solo nei conventi. In questo caso si tratta di una laica, ordinata «diaconessa parrocchiale». Secondo il Diritto Canonico ortodosso, una monaca, superati i quarant'anni, può diventare diaconessa, con compiti pastorali e non liturgici, mentre nella tradizione armena, le diaconesse hanno un ruolo liturgico, cosa che fa pensare ad un possibile ingresso nel presbiterato, naturale evoluzione del servizio liturgico diaconale.

«Ciò che ho fatto – ha detto l’arcivescovo secondo quanto si legge sul sito massispost.com – è in conformità con la tradizione della Chiesa è nient’altro»; si è trattato di una iniziativa personale (formalmente, infatti, la Chiesa armena deve ancora ripristinare questo ordine) «allo scopo di rivitalizzare la partecipazione delle donne anche nella vita liturgica della nostra Chiesa». «Non stupitevi, anche una donna servire il sacro altare», ha aggiunto. «Oggi, la nostra Chiesa sta affrontando l’imperativo dell’autoanalisi e della autocritica. È imperativo ringiovanire la partecipazione delle persone nella sfera sociale, educativa e nel servizio della Chiesa. Siamo profondamente convinti che la partecipazione attiva delle donne nella vita della nostra Chiesa consenta alle donne armene di coinvolgersi in modo più entusiasta e intenso. La diaconessa, senza dubbio, può essere, con il suo esempio, anche una madre spirituale e dedita alla Chiesa, un’educatrice e, perché no, un modello femminile. È con questa convinzione che celebriamo questa ordinazione, con la speranza di non essere i primi né gli ultimi». Se e quando Ani-Kristi si sposerà, continuerà a servire come diaconessa. (ludovica eugenio)

* Foto della chiesa armena di San Pietroburgo di Elisa Rolle, tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.