Nessun articolo nel carrello

Vescovi tedeschi: lasciamo la traduzione del Padre Nostro così com'è

Vescovi tedeschi: lasciamo la traduzione del Padre Nostro così com'è

BONN-ADISTA. Non c’è nessun bisogno di una nuova traduzione del “Padre Nostro”: lo hanno dichiarato i vescovi cattolici tedeschi il 25 gennaio, affermando di aver discusso il suggerimento di papa Francesco riguardante la modifica della traduzione del Padre Nostro, e di aver deciso di non adottarla. Mentre in Francia, dunque, l’espressione «non ci indurre in tentazione» diventerà «Et ne nous laisse pas entrer en tentation», facendo cadere l’idea di un Dio che induce l’essere umano al peccato, la Conferenza episcopale tedesca ha deciso altrimenti: vi sarebbero, ha affermato il 25 gennaio in un documento di 5 pagine, forti ragioni «filosofiche, esegetiche, liturgiche e, non da ultimo, ecumeniche» che consiglierebbero di non modificare l’espressione così come è sempre stata tradotta. La richiesta di papa Francesco, hanno scritto, rappresenta certo un’opportunità per «approfondire il significato della preghiera del Padre Nostro nel contesto dell’immagine cristiana di Dio e della comprensione cristiana della relazione tra l'uomo e Dio».

Tre gli argomenti avanzati dai vescovi: il primo, di carattere esegetico, è che la traduzione classica discende direttamente dal testo greco e da quello latino, importanti per la tradizione cattolica; il secondo, ecumenico, è che «nella traduzione luterana e nelle altre Bibbie evangeliche la preghiera è tradotta nello stesso modo della versione cattolica», e questa  omogeneità del testo nei Paesi germanofoni non è irrilevante». Infine, la terza argomentazione, teologica: la preghiera viene pronunciata perché si sa già che Dio la realizzerà. Nel Padre Nostro, cioè, non vi è il sospetto che Dio voglia che una persona fallisca, ma la fede nella sua giustizia e nella sua misericordia».

La stessa posizione era stata assunta qualche settimana fa in ambito protestante: «Se iniziamo ad aprire un dibattito sulle possibili modifiche, - ha detto la pastora Margot Käsemann, ex presidente del consiglio della Chiesa protestante in Germania (Ekd) in un articolo pubblicato sul numero domenicale del quotidiano “Bild” del 17/12 -  allora ci sarà un numero infinito di richieste, proposte, controversie. Lasciamo piuttosto così come è oggi l’unica preghiera comune a tutta la cristianità».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.