Nessun articolo nel carrello

Il

Il "genocidio" dei migranti e le responsabilità: mons. Bettazzi scrive al presidente del consiglio Conte

Mons. Luigi Bettazzi, già presidente di Pax Christi e vescovo emerito di Ivrea, scrive una lettera aperta al presidente del consiglio, Giuseppe Conte. Non come rappresentante di un potere religioso che bacchetta un presidente di un governo laico, ma umilmente, «come cittadino dell'Italia che, nella Costituzione, garantisce il diritto d’asilo a quanti, nel loro Paese, sono impediti di esercitare le libertà democratiche» e «come cittadino dell’Europa che, nella Carta dei diritti fondamentali, afferma: “La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata”».

Bettazzi non intende confrontarsi sullo scivoloso terreno del religioso, nonostante il ministro Matteo Salvini ami tanto agitare rosari e Vangeli ai quattro venti, appellandosi alle radici cristiane (da preservare, dice lui) del popolo italiano, salvo poi ignorare scientificamente i numerosi appelli per l'accoglienza di papa Francesco e dei vescovi italiani.

Curioso che anche al recente vertice Ue sui migranti, aggiunge il vescovo emerito, i Paesei membri e soprattutto le «nazioni tradizionalmente più “cristiane”» hanno dimostrato una certa sordità di fronte alle ragioni dell'accoglienza e una certa «incapacità (...) di mantenere le tradizioni “umane”» fondative dell'Unione.

Bettazzi si dice particolarmente deluso dall'atteggiamento del nostro Paese, che in Europa mostra i muscoli attestandosi su posizioni di chiusura, «forse (...) comprensibili sul piano della contrattazione», ma «non su quello del riferimento a vite umane. Siamo tanti a non volerci sentire responsabili di navi bloccate e di porti chiusi», scrive ancora Bettazzi, dopo aver visto governi che, con una mano, depredavano e vendevano armi, e con l'altra sbattevano la porta in faccia alle vittime di quella povertà e di quelle guerre.

«Non vogliamo vedere questo Mediterraneo testimone e tomba di una sorta di genocidio, di cui diventiamo tutti in qualche modo responsabili». Al contrario, conclude il prelato, «vorremmo davvero che l’Italia, consapevole della sua tradizione di umanità (prima romana, poi cristiana) non accettasse di divenire corresponsabile di una tragedia, che la storia ha affidato al nostro tempo e da cui non possiamo evadere. Al di là di un’incomprensibile indifferenza o di un discutibile privilegio (“prima gli italiani”. Quali italiani? O “prima l’umanità”?), credo che, nell’interesse della pace, aspirazione di ogni persona e di ogni popolo, l’Italia possa e debba essere, per sé e per tutta l’Europa, pioniera di accoglienza, controllata sì, ma generosa».

Foto di Matt Brown, tratta dal sito Flickr, immagine originale e licenza.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.