Nessun articolo nel carrello

La Giornata contro i test nucleari e lo spettro dell’estinzione di massa

La Giornata contro i test nucleari e lo spettro dell’estinzione di massa

È del 10 settembre 1996 l’adozione da parte dell’Assemblea Generale Onu del Trattato per la messa al bando totale degli esperimenti nucleari (CTBT), elaborato nei tre anni precedenti dalla Conferenza Disarmo. L’Onu intendeva proibire i test nucleari in qualsiasi ambiente – ricorda Maurizio Simoncelli in una nota dell’Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo (Iriad) diramata oggi in vista della Giornata Internazionale contro i Test Nucleari di giovedì prossimo – con l’intento di «fermare la sperimentazione che le varie potenze avevano condotto sul nostro pianeta con oltre 2mila esplosioni, nonché di fornire un ulteriore strumento di sostegno al processo di disarmo» avviato, il primo luglio 1968, con l’adozione del Trattato di non proliferazione nucleare (TNP).

Le sperimentazioni nucleari condotte fino a quel momento, ricorda ancora l’Iriad, «avevano provocato conseguenze non solo nelle aree dei test, ma inevitabilmente sull’intero pianeta attraverso i mari e l’atmosfera». Per questo è bene celebrare, il 29 agosto prossimo, lo stop del 1996.

La ricorrenza, d’altra parte, è anche occasione per ricordare di non abbassare la guardia, perché la minaccia di una catastrofe nucleare resta inquietante: «Dopo oltre mezzo secolo le cinque potenze firmatarie del TNP – in particolare Usa e Russia – non hanno adempiuto all’impegno di disarmo (riducendo solo il numero delle testate)», denuncia l’Istituto di Ricerche. «Le oltre 14.000 testate, di cui 3.750 operative, stanno lì a minacciare l’umanità della distruzione totale, dato anche che esse sono destinate a colpire prevalentemente grossi obiettivi, in primis le città, cioè i civili». I recenti test condotti per ragioni politiche dalla corea del nord, la predisposizione dei nuovissimi cacciabombardieri F-35 ad ospitare le bombe nucleari B61-12 made in Usa e le informazioni recentemente trapelate per errore dal Pentagono sui vantaggi dell’impiego di armi nucleari nei conflitti non rappresentano affatto segnali distensivi. «Se è necessario che tutti gli Stati nucleari firmino e ratifichino il CTBT (cosa che ancora non è avvenuta da parte di Cina, Corea del Nord, India, Israele, Pakistan e Stati Uniti) - conclude Simoncelli - è altrettanto fondamentale che ci si avvii verso un disarmo nucleare invece che verso ipotesi di guerra nucleare “limitata”, i cui limiti poi non si potranno mai controllare in uno scontro militare».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.