Nessun articolo nel carrello

Basta accordi con la Libia e corridoi umanitari europei: la proposta della società civile

Basta accordi con la Libia e corridoi umanitari europei: la proposta della società civile

Il governo italiano rinnova senza modifiche il Memorandum d'intesa Italia-Libia sul contenimento dei flussi migratori, sottoscritto dal premier Paolo Gentiloni il 2 febbraio 2017 e mai ratificato dal Parlamento, come era invece previsto dalla Costituzione. A ottobre, quando ancora si poteva evitare il rinnovo triennale automatico dell’accordo, l’associazionismo laico e religioso aveva chiesto al governo di mettere la parola fine su questa brutale forma di esternalizzazione delle frontiere europee, secondo Oxfam «una delle pagine più tristi e vergognose della nostra storia recente». E il governo aveva promesso delle modifiche, che poi non sono mai arrivate.

La Campagna #ioaccolgo – alla quale aderiscono, tra gli altri, Acli, Arci, Asgi, Caritas italiana, Centro Astalli, Cgil, Cnca, Comunità di Sant’Egidio, Fcei, Focsiv, Fondazione Finanza Etica, Fondazione Migrantes, Gruppo Abele, Legambiente, Oxfam, ReCoSol – condanna la decisione del governo di non prendere iniziativa, confermando di fatto la linea di “collaborazione” dettata 3 anni fa. «In un quadro simile – si legge in un comunicato di #ioaccolgo – qualsiasi governo serio deciderebbe di sospendere immediatamente l’accordo, mancando l’interlocutore con cui quell’accordo è stato contratto. E invece il la Farnesina interviene per dichiarare esattamente l’opposto e cioè che quel Memorandum rappresenta il quadro di riferimento per la collaborazione ancora in atto con la Libia sui temi migratori e che resterà in vigore fino a quando non saranno possibili interventi migliorativi».

E così il nostro governo, dopo aver tradito la promessa di cambiamento, continuerà a «finanziare la guardia costiera libica, per lo più formata da quegli stessi trafficanti che si dice di voler fermare, perché riporti i migranti in fuga nei lager dove sono sottoposti a ogni tipo di tortura e dove si può morire a causa dei bombardamenti».

La campagna chiede al contrario «l’evacuazione di tutti i migranti trattenuti nei centri libici, l’apertura di corridoi umanitari europei, il ripristino di un’operazione vera di soccorso in mare, un’Italia e un’Europa impegnate nell’accoglienza, il rispetto dei diritti umani fondamentali, a cominciare dal diritto alla vita».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.