Nessun articolo nel carrello

Quel sogno infranto di partecipazione: gli

Quel sogno infranto di partecipazione: gli "italiani senza cittadinanza" alla vigilia del voto

È davvero interessante lo spaccato che, alla vigilia delle votazioni regionali e per il referendum costituzionale, ha presentato il sondaggio “I nuovi italiani. Indagine sulle nuove generazioni”, realizzato da Quorum/Youtrend per ActionAid.

In particolare l’istituto di ricerca ha contattato 600 ragazzi e ragazze tra i 18 e i 35 anni, nati o cresciuti o residenti in Italia, ma senza cittadinanza perché figli di immigrati. Le interviste, realizzate tra il 4 e il 14 settembre, sottolineano che 7 giovani “italiani senza cittadinanza” su 10 avrebbero voluto votare alle elezioni di domenica e lunedì scorsi. Inoltre: il 40% degli intervistati «ha interesse a partecipare alla vita politica» e circa la metà di loro ha avuto «un’esperienza partecipativa nella vita sociale del nostro Paese» (elezioni scolastiche, sindacato, associazionismo, volontariato, ecc.).

Il sondaggio, insomma, ci dice che – a fronte di un crollo verticale della partecipazione politica registrato da tempo nelle nuove generazioni di italiani – il desiderio di partecipazione è invece forte proprio in chi si vede negati i diritti civili e sociali da una obsoleta e ingiusta legge sulla cittadinanza. «Altrettanto forte è il sentimento di appartenenza al Paese in cui vivono e alla propria comunità, oltre il 70% dice di sentirsi a tutti gli effetti italiano», afferma ancora il sondaggio, ricordando che ben 8 giovani non italiani su 10 sognano di ottenere la cittadinanza. Pari opportunità dei coetanei, nessuna restrizione nell’accesso al pubblico impiego, viaggiare senza vincoli e limitazioni, godere senza discriminazioni dei diritti sociali: queste le principali motivazioni espresse dagli intervistati.

Secondo Francesco Ferri (programma Migration di ActionAid Italia), «solo una nuova legge sulla cittadinanza equa, giusta e inclusiva può garantire a pieno titolo i diritti sociali e civili di oltre un milione e mezzo di ragazze e ragazzi che vogliono poter partecipare pienamente alla vita pubblica. Si tratta non solo di abbattere discriminazioni e diseguaglianze, ma di riconoscere il ruolo e il valore di una parte di giovani oggi esclusa ma che chiede sempre di più di essere ascoltata». «La diseguaglianza nei diritti legittima anche le discriminazioni e il razzismo verso chi è escluso dalla cittadinanza», aggiunge Ferri, commentando il dato sulla percezione dei giovani intervistati in merito al razzismo degli italiani: «Il 66,7% afferma che gli italiani in generale siano molto o abbastanza razzisti, mentre il dato sembra essere più basso tra i giovani under 30, solo il 48,3% dichiara di considerare razzisti i propri coetanei».

Dal sondaggio ActionAid passa all’appello e chiede alla classe politica «la modifica dell’attuale legge sulla cittadinanza, che rende discriminatorie le nostre istituzioni». E annuncia pa propria adesione alla manifestazione nazionale del 3 ottobre prossimo a Roma, «dove attivisti e associazioni saranno insieme per ribadire l’urgenza della riforma».

Scarica il pdf della ricerca

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.