Nessun articolo nel carrello

La non-conferenza stampa natalizia di mons. Nosiglia

La non-conferenza stampa natalizia di mons. Nosiglia

TORINO-ADISTA. Si attendeva con interesse, alle 11 del 21 dicembre, la conferenza stampa natalizia dell’arcivescovo di Torino mons. Cesare Nosiglia – presumibilmente l’ultima, visto il prossimo cambio alla guida della diocesi in programma per il 2021. Sarebbe stata un'ottima occasione per rivolgergli alcune domande in merito alla situazione e al clima di malessere che domina l’arcidiocesi da tempo, emersi grazie all’inchiesta di Francesco Antonioli su Repubblica della scorsa primavera, a causa del caso dei tre preti tradizionalisti don Salvatore Vitiello, don Luciano Tiso e don Damiano Cavallaro, protagonisti di una campagna vocazionale alla vita religiosa dai tratti problematici, quando non decisamente settari e psicologicamente pericolosi. Un dossier è attualmente all’attenzione della Procura torinese, ma anche in Curia vaticana qualcosa si sta muovendo. Nell’inchiesta di Repubblica – sviluppatasi  nel corso del tempo e rilanciata da Adista (v. Adista Notizie nn. 20, 22, 31, 35, 39, 42/20) emergeva un certo immobilismo del vescovo, quando non un atteggiamento favorevole ai tre preti, alcune delle cui vittime hanno depositato la loro testimonianza in Procura.

Ma la conferenza stampa non c’è stata. O meglio: è stata nella sostanza annullata, perché ciò a cui si è assistito sulla piattaforma Zoom non era certamente una conferenza stampa, nella quale normalmente i giornalisti intervengono per porre domande, quanto piuttosto un intervento preregistrato dell’arcivescovo, con albero di natale sullo sfondo, che verteva sull’attività promossa e svolta dalla diocesi nell’ultimo anno, ma che è stato troncato di netto alla fine dei rituali auguri natalizi, senza alcuna possibilità per i giornalisti – tra cui Francesco Antonioli e Adista  - di chiedere alcunché. Persino il numero telefonico inizialmente fornito per fare interventi via whatsapp (evidente tentativo di filtrare le domande, dal momento che si può intervenire in diretta) non era più utilizzabile. In compenso, alle 11.01, in concomitanza dell’inizio del messaggio registrato, sono stati inviati i testi del messaggio del vescovo e i numeri di telefono delle persone afferenti ai vari dipartimenti (Caritas, pastorale sanitaria, ecc.) cui chiedere eventuali approfondimenti: già, perché il vescovo, causa impegno improvviso,  si trovava in quel momento a Susa. Forse con un pizzico di correttezza i giornalisti, che pochi minuti prima avevano ricevuto il link per partecipare all'evento, avrebbero potuto essere evvisati del suo annullamento. Ma evidentemente non lo si voleva annullare, quanto semplicemente "semplificarne" lo svolgimento, senza interventi e domande scomode.

* Foto di UPG Torino tratta da WEikimedia Commons, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.