Nessun articolo nel carrello

Africa discarica d'Italia?

Africa discarica d'Italia? "Nigrizia" racconta lo scandalo dei rifiuti nocivi esportati in Tunisia

Su un inquietante caso di illegale “cooperazione” internazionale, che non farebbe onore ai protagonisti della vicenda, si sta da tempo indagando in Tunisia. Al centro delle inchieste, lo scandalo dei rifiuti tossici italiani smaltiti nel Paese nordafricano, che ha portato a numerosi arresti e per il quale già si parla di “terra dei fuochi tunisina”.

Al momento di parla di 212 container di rifiuti pericolosi sequestrati l’estate scorsa e di 70 sequestrati a novembre. Si parla di scarti sanitari, elettronici e industriali il cui traffico è proibito dalla legge locale e internazionale. «Il sequestro di centinaia di container – spiega un articolo del periodico comboniano Nigrizia – ha subito fatto pensare agli inquirenti tunisini di avere a che fare con un vasto traffico basato su un giro di corruzione che ha coinvolto alti funzionari locali per lo smaltimento di rifiuti provenienti dalla Campania».

Secondo Nigrizia, «il traffico di rifiuti in Tunisia è in continuo aumento a causa della reticenza dei Paesi asiatici, che per anni hanno accolto rifiuti pericolosi, a continuare ad autorizzarne l’importazione, insieme all’inasprirsi delle norme in materia di smaltimento di rifiuti pericolosi in Europa». Questo spiegherebbe le crescenti pressioni esercitate sul ministro dell’ambiente tunisino da parte di lobby dedite al traffico illegale di rifiuti nocivi. «Questo nonostante la Tunisia debba già affrontare un grave problema interno di smaltimento di rifiuti», con «gravi abusi da parte di aziende locali che hanno inquinato falde acquifere, mare e aria, secondo le accuse lanciate dalle ong locali. A questo si aggiunge il costante sbarco di rifiuti nocivi da parte di Paesi europei che aggrava l’inquinamento ambientale con effetti devastanti sull’ambiente e sulla vita della popolazione locale».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.