Nessun articolo nel carrello

Mani rosse antirazziste: «il corridoio umanitario Libia-Italia è una goccia nell’oceano della disperazione, occorre affrontare le cause strutturali»

Mani rosse antirazziste: «il corridoio umanitario Libia-Italia è una goccia nell’oceano della disperazione, occorre affrontare le cause strutturali»

ROMA-ADISTA. «Diverse associazioni hanno chiesto alla ministra degli Interni di affrettare il piano di evacuazione di qualche centinaio di persone dalla Libia, ma si tratta di una goccia d'acqua nell’oceano della disperazione».

Il gruppo Mani rosse antirazziste, che da anni manifesta silenziosamente davanti al Viminale con le mani tinte di rosso per denunciare le politiche contro i migranti e in particolare la chiusura dei porti, esprime un parere critico nei confronti della lettera che alcune associazioni (fra cui Mediterranea Saving Humans e Alarm Phone, in prima linea nel soccorso ai profughi nel mar Mediterraneo, e Babobab Experience, che a Roma da anni lavora con le persone migranti abbandonate dalle istituzioni) hanno inviato lo scorso 12 gennaio alla ministra Lamorgese per chiedere l’apertura di un corridoio umanitario dalla Libia verso l’Italia (v. https://www.adista.it/articolo/64813).

«Non si possono chiamare queste operazioni con l'impegnativo nome di corridoi umanitari, in quanto un vero corridoio umanitario consentirebbe l'evacuazione di tutti i migranti e profughi imprigionati nei lager libici», si legge nel comunicato di Mani rosse antirazziste. « Il governo, che da un lato finanzia la fuoriuscita di poche centinaia di persone dalla Libia, dall'altro finanzia il governo fantoccio, guidato da uno dei signori della guerra, perché con ogni mezzo possibile blocchi i profughi affinché non raggiungano le coste italiane. La legge sicurezza della ministra Lamorgese impone a chi salva i naufraghi al largo della Libia di collaborare con la sedicente Guardia Costiera Libica (che probabilmente chiederebbe la consegna dei fuggitivi) e se ci si rifiuta di farlo scatta una denuncia penale.

Evitiamo di farci strumenti di propaganda di chi cinicamente ed ipocritamente ha responsabilità dirette in questa situazione. I dannati della terra sono costretti alla fuga a causa di crisi spesso provocate dai governi europei. Saggezza vorrebbe che si denunciassero senza censure queste inconfutabili responsabilità e che si agisse per risolvere le cause strutturali che spingono milioni di persone a rischiare la vita cercando la salvezza in Italia e in Europa».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.