Nessun articolo nel carrello

La sfida della svolta green: il governo Draghi e gli auspici del WWF

La sfida della svolta green: il governo Draghi e gli auspici del WWF

L’idea di un nuovo Ministero per la Transizione ecologica, guidato peraltro da un tecnico di spessore, è piaciuta al WWF, che qualche giorno fa ha espresso «soddisfazione» e, in un periodo storico tanto delicato per il Paese e per il pianeta intero, ha auspicato «che gli interventi per la difesa della biodiversità e per la cura del territorio rimangano un asse portante dell’attività del neonato Ministero e diventino quindi i parametri guida della transizione». Il WWF chiede inoltre al nuovo governo di mantenere vivo «un confronto aperto e vivo» tra istituzioni, comunità scientifica e società civile ambientalista «in coerenza con le scelte fatte nell’ambito dell’European Green Deal e per la definizione dei nuovi contenuti del Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza».

Il WWF ha poi ricordato il “Il Patto per l’ecologia”, lanciato in occasione delle elezioni del 2018 con l’obiettivo di superare gli attuali limiti operativi del Ministero dell’Ambiente, riscuotendo l’adesione di «tutti i maggiori partiti che compongo l’attuale maggioranza (FI, Lega, LEU, M5S, PD)». Sarà da vedere, insomma, se l’istituzione del nuovo Ministero per la Transizione ecologica da parte di Draghi raccoglierà quella sfida a contribuire ad una conversione ecologica dell’economia, «come scelta competitiva su scala globale ed europea per migliorare l’efficienza e l’innovazione del sistema e che assicuri il benessere dei cittadini e garantisca un futuro al nostro capitale naturale e ai beni comuni (materiali e immateriali)».

Prima di ogni altra cosa, il governo dovrà metter mano in maniera «sostanziale» al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), «che ancora non risponde adeguatamente alle sfide green lanciate dall’Europa con lo strumento Next Generation Eu e che richiederà forti sinergie di visione con altri Ministeri chiave». Il WWF pensa, in particolare, al dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti, guidato da Enrico Giovannini (docente universitario di Sviluppo Sostenibile, già presidente dell’Istat, fondatore dell’Alleanza italiana per lo Sviluppo Sostenibile-AsviS), «figura capace di dare una nuova impronta alle politiche infrastrutturali del Paese, a partire dall’elettrificazione del sistema dei trasporti».

Come si muoverà il governo Draghi su fondi europei, decarbonizzazione, energie rinnovabili, «riqualificazione e resilienza» del patrimonio naturale, tutela del territorio, prevenzione del rischio idrogeologico, adattamento ai cambiamenti climatici? Su questo si misurerà la vera svolta: «l’Europa chiede interventi innovativi e coerenti con le politiche Green».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.