Nessun articolo nel carrello

Camerun: sangue sull’altare della chiesa del vescovo Bala. Profanata anche la sua tomba

Camerun: sangue sull’altare della chiesa del vescovo Bala. Profanata anche la sua tomba

YAOUNDÉ-ADISTA. Tracce verosimilmente di sangue sull’altare, sui gradini che portano alla cattedra vescovile e sulla tomba di mons. Jean Marie Benoit Bala, il vescovo della città camerunense di Bafia ritrovato cadavere il 2 giugno scorso nel fiume Sanaga, «annegato» secondo le autorità civili, brutalmente ucciso secondo i vescovi del Paese (v. Adista Notizie nn. 22, 23, 27 e 29/17). La profanazione ha obbligato alla chiusura della chiesa, la cattedrale di San Sebastiano, mentre la polizia scientifica sta procedendo agli opportuni rilievi e all’analisi del liquido rossastro. Secondo testimonianze raccolte sul posto dalla stampa, informa  Cameroon Report.com il 29 agosto, potrebbero essere stati effettuati nel tempio dei riti nella notte fra il 27 e il 28.

In attesa della riapertura della cattedrale, che dovrà essere preceduta da una cerimonia penitenziale, le messe saranno celebrate nel Centro Paolo VI. Attualmente la diocesi è governata da un amministratore apostolico designato dalla Santa Sede, mons. Abraham Kome. Essendo, quest’ultimo, in vacanza, la grave questione della profanazione è seguita dal vescovo di Obala, mons. Sosthène Léopold Bayemi.

Da tempo si succedono nel Paese morti violente fra gli ecclesiastici. La gerarchia ha infine cominciato a lanciare accuse che certo non alleggeriscono l’attuale clima di forte tensione. Durante il funerale del vescovo Bala, il 2 agosto scorso, mons. Joseph Akonga, del presbiterato diocesano, ha detto che la Chiesa del Paese è sotto attacco da parte del governo («quelli che siedono sempre in chiesa in prima fila, in abito e occhiali scuri») e dei preti gay: «Sono loro che hanno ucciso il nostro vescovo – ha inveito – perché aveva detto “no” all’omosessualità perpetrata da costoro». 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.