Nessun articolo nel carrello

Navi italiane per i profughi della Aquarius,

Navi italiane per i profughi della Aquarius, "salvati" dal governo spagnolo fra il plauso dei vescovi

L’annuncio è stato stamattina fa con un tweet della organizzazione non governativa Sos Mediterranée: «Secondo il piano del Mrcc di Roma (il centro coordinamento dei soccorsi, ndr), i naufraghi a bordo verranno trasferiti su navi italiane e condotti a Valencia». Sta per finire l’odissea dei 629 migranti ospitati da giorni sulla nave Aquarius, cui il ministro del’Interno italiano, il leghista Matteo Salvini, ha proibito l’attracco nei porti italiani e che da giorni vaga nel Mare Nostrum.

La situazione è stata sbloccata il primo ministro spagnolo, il socialista Pedro Sanchez che ieri ha dichiarato di voler accogliere i naufraghi della Aquarius nel porto di Valencia. Approdo troppo lontano per la nave di Sos Mediterranée (almeno quattro giorni di navigazione in una situazione in cui scarseggia il cibo, malgrado la Marina di Malta abbia provveduto a qualche rifornimento), raggiungibile con una staffetta delle navi italiane.

La notizia della disponibilità del governo spagnolo ha allietato i vescovi spagnoli. Il segretario generale della Conferenza episcopale, mons. Gil Tamayo, ha definito l’iniziativa di Sanchez «un buon gesto di solidarietà che ci rasserena». Il card. Carlos Osorio, arcivescovo di Madrid, in un tweet ha scritto: «Il mandato è chiaro: “ero straniero e mi avete accolto”. Al di là di considerazioni politiche e legali, se si legge la vita a partire dal Vangelo, uno va a cercare l’altro. #Acquarius è una chiamata di Cristo all’Europa»

In Italia, anche card. Gianfranco Ravasi ha twittato lo stesso passaggio del Vangelo di Matteo criticando la chiusura dei porti decisa da Salvini. Il quale non si è peritato di rispondere: «Ho il rosario in tasca, io coerente con insegnamenti Vangelo»; «papa Bendetto diceva che prima del diritto a emigrare c'è il diritto a non emigrare. Il mio obiettivo è garantire sicurezza e vita prospera nel continente africano».

*Foto di Goodnighmoon tratta da Wikimedia Commonsi immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.