Nessun articolo nel carrello

Missionarie scalabriniane dopo il caso Aquarius: spetta a noi raccogliere il grido della povera gente

Missionarie scalabriniane dopo il caso Aquarius: spetta a noi raccogliere il grido della povera gente

«Il caso, o meglio, le persone presenti sulla nave Aquarius sollecitano il nostro essere persone con una coscienza morale che deve rabbrividire di fronte a questa situazione che sembra stia trattando di affari umani e non di persone». È la dichiarazione di suor Neusa de Fatima Mariano, superiora generale delle congregazione delle Suore Missionarie Scalabriniane, da sempre impegnate nell'accoglienza e nell'assistenza ai migranti.

La vicenda della nave Aquarius della Ong Sos Mediterranée ha sollevato il duplice problema dell'accoglienza di chi fugge e della corresponsabilità di tutti i Paesi membri Ue di fronte alla grave crisi dei migranti. «La vera lotta – sottolinea però la superiora – è da fare nei riguardi dei trafficanti di esseri umani, criminali senza scrupoli che approfittano delle speranze della povera gente».

Altra ricetta che la classe politica europea non sembra ancora in grado di mettere in campo, complice il clima da eterna campagna elettorale provocato dall'avanzata dei populismi e dalla crisi dei partiti tradizionali, è quella dell'apertura di vie d'accesso legali e sicure per i richiedenti protezione internazionale. «I corridoi umanitari – conferma suor Neusa – sono una soluzione per gestire questi flussi ma è necessario che tutti capiscano come i 4 verbi indicati da papa Francesco, ‘accogliere’, ‘proteggere’, ‘promuovere’ e ‘integrare’ siano alla base di un percorso concreto di pace, dialogo e convivenza civile. La politica sta utilizzando criteri rigidi, di strapotere, perché il loro pensiero non rappresenta tutta l’Italia o l’Europa, per cui è da combattere anche questo agire politico. Si dia priorità a quella povera gente, disperata, a quel grido che spetta a noi raccogliere».

* Immagine di Irish Defence Forces, tratta da Flickr, licenza e immagine originale. La foto è stata ritagliata. Le utilizzazioni in difformità dalla licenza potranno essere perseguite

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.