Nessun articolo nel carrello

I migranti della Diciotti, la retorica bugiarda e il fenomeno dei “transitanti”

I migranti della Diciotti, la retorica bugiarda e il fenomeno dei “transitanti”

Dove vanno i migranti che abbandonano i centri di accoglienza senza lasciare traccia e che una certa retorica anti-buonista, populista e xenofoba li immagina sulle nostre strade a spacciare e stuprare liberamente? È nota la recente vicenda dei 50 eritrei della nave Diciotti, fuggiti dai centri di accoglienza delle diocesi ospitanti. Ed è anche noto il clamore che ha seguito la notizia, diffusa dal Ministero dell'Interno, aizzato sui social network da tanti e soprattutto dal vicepremier Matteo Salvini.

A disinnescare la polemica, tipica di una eterna campagna elettorale sulla pelle dei migranti, prova Filippo Miraglia dell'Arci, citato da un articolo di Redattore Sociale.

Come spiega la giornalista Eleonora Camilli, il fenomeno dei cosiddetti “transitanti” è statisticamente rilevante: negli ultimi 20 anni, a fronte di un milione di persone sbarcate, sono state presentate poco più di 700mila domande d'asilo. Si tratta per lo più di cittadini dell'Africa Orientale (eritrei in modo particolare) che in Italia potrebbero tranquillamente ottenere l'asilo ma che intendono comunque ricongiungersi ai loro cari in Germaia, Svizzera, Regno Unito, ecc. Questi migranti, lungi dal voler mettere a ferro e fuoco il Belpaese, in Italia proprio non ci vogliono restare. «I commenti del “leader del governo”», spiega Miraglia «sono, come sempre, pillole di veleno introdotte nel dibattito pubblico sull'immigrazione per consolidare l'immagine negativa dei rifugiati e del diritto d'asilo». Salvini non sa o fa finta di non sapere, aggiunge, perché il fenomeno dei “transitanti” è «vecchio e molto consistente per alcune nazionalità».

* foto di Hunter, immagine tratta da Flickr, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.