Nessun articolo nel carrello

Guerra in Yemen, basta complicità: l'appello dei comboniani al governo italiano

Guerra in Yemen, basta complicità: l'appello dei comboniani al governo italiano

Si moltiplicano le voci della società civile e del mondo cristiano che chiedono al governo italiano lo stop dell'export di bombe made in Italy impiegate dalla coalizione a guida saudita contro i ribelli yemeniti houti, in una guerra che ha già causato 50mila vittime (10mila civili) e oltre 2 milioni di sfollati. «L’Italia deve smettere di essere complice della catastrofe umanitaria che si sta consumando nello Yemen», avvertono i missionari comboniani nell'editoriale di dicembre del mensile Nigrizia.

Le bombe prodotte nello stabilimento sardo della Rwm Italia vengono sganciate anche sulla popolazione civile, proseguono i missionari: «In questi anni, l’aviazione saudita ha colpito scuole, mercati, abitazioni, fabbriche, ospedali, strade, porti e campi per la produzione di cibo». Secondo i comboniani è «inconcepibile che si faccia finta di niente e si continui a far soldi esportando i nostri ordigni al regime saudita. È un comportamento ingiustificabile» sotto ogni punto di vista, morale e anche legale, perché «la legge 185 del 1990 ci impedisce di esportare armi a paesi in conflitto».

L'aggressione saudita ha inoltre provocato quella che l'Onu ha definito la più grave crisi umanitaria degli ultimi anni: «Centinaia di migliaia di famiglie nel nord sono rimaste senza reddito», avverte Nigrizia. «C’è il rischio, ammonisce l’Onu, di una imminente carestia su vasta scala: già oggi otto milioni di yemeniti sopravvivono grazie agli aiuti alimentari, ma il numero potrebbe quasi raddoppiare in breve tempo, toccando metà della popolazione. Ancora: 2 milioni di bambini soffrono di malnutrizione e il sistema sanitario è sull’orlo del collasso».

Di fronte a tutto questo non possiamo tacere, invoca l'editoriale, «come cittadini e come missionari comboniani chiediamo al governo italiano l’immediata sospensione di fornitura di armi all’Arabia Saudita e a tutte le parti in conflitto».

Inoltre, i comboniani chiedono al governo di adottare «la risoluzione del Parlamento Europeo che l’ottobre scorso ha votato a favore di un embargo sulla vendita di armi all’Arabia Saudita (il maggior acquirente mondiale con 4,1 miliardi di dollari), agli Emirati Arabi Uniti e gli altri membri della coalizione militare guidata da Riyadh. Spagna, Germania e Paesi Bassi hanno già interrotto la fornitura di armi all’Arabia Saudita. L’Italia ne segua l’esempio».

* Foto di mashleymorgan, tratta da Flickr, immagine originale e licenza. L'immagine è stata tagliata

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.