Nessun articolo nel carrello

Quale sicurezza? A Vicenza, evento su armi e legittima difesa

Quale sicurezza? A Vicenza, evento su armi e legittima difesa

Opal Brescia (Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e le politiche di sicurezza e difesa) e Rete Italiana per il Disarmo invitano a partecipare al convegno “Legittima difesa, delitti e armi in Italia: per quale sicurezza?”, che si terrà il 9/2, ore 15-18.30, a Vicenza, presso la sala conferenze dei Missionari Saveriani (viale Trento 119). All'evento aderisce anche la galassia delle associazioni pacifiste vicentine (tra cui Acli, Arci Servizio Civile, Associazione Papa Giovanni XXIII, Azione Cattolica, Banca Popolare Etica, Beati i costruttori di Pace, Cgil, Cisl, Cristiani per la pace, Fiom Cgil, Meic, Mir, Movimento dei Focolari, Movimento nonviolento, Pax Christi, Ufficio Diocesano per la Pastorale Sociale e del Lavoro e La Voce dei Berici).

Il convegno, a partire dai dati sulla diffusione delle armi in Itala e dalla testimonianza delle vittime delle armi legalmente detenute, intende approfondire le «problematiche sociali, culturali e giuridiche che concernono l’istituto della legittima difesa, il possesso e la diffusione delle armi in Italia». Uno spazio di confronto pubblico per parlare del rapporto tra armi e sicurezza nel nostro Paese, anche in ragione del dibattito parlamentare che mira a modificare la legge sulla legittima difesa. Previsti gli interventi di Lauro Paoletto (direttore del settimanale diocesano La voce dei Berici), Giorgio Beretta (analista dell’Opal Brescia), Elisabetta Aldrovandi (avvocato, presidente dell’Osservatorio Nazionale Sostegno Vittime, promotrice della legge di modifica sulla “legittima difesa”), Gabriella Neri (presidente dell’Associazione “Ognivolta” Onlus), Manco Mensurati e Fabio Tonacci (giornalisti di Repubblica).

Segue il convegno una tavola rotonda sul salone fieristico delle armi “HIT Show Outdoor Passion”, alla quale gli organizzatori avevano anche invitato, «in rappresentanza degli Enti pubblici principali azionisti del gruppo fieristico Italian Exhibition Group (IEG) promotore del salone HIT Show, i sindaci di Rimini e di Vicenza, che però hanno declinato l’invito». Ai due sindaci Rete Disarmo e Opal avevano chiesto di illustrare la posizione delle giunte sul “Regolamento per i Visitatori” di HIT Show.

«L’anomalia di HIT Show nel contesto delle fiere espositive di armi dei Paesi dell’Unione europea» rappresenta uno dei nodi più controversi che hanno accompagnato sin dalla nascita l'evento vicentino, cui anche Adista ha dedicato particolare attenzione. HIT Show, si legge nel comunicato di invito, «si contraddistingue, infatti, per essere l’unico salone in cui vengono esposte tutte le tipologie di armi cosiddette “comuni” (cioè, di fatto, tutte le armi tranne quelle propriamente definite “da guerra”) a cui è permesso l’accesso al pubblico compresi i minori “accompagnati da un adulto”, nel quale non è previsto alcun divieto di iniziative di chiara rilevanza politica (raccolte di firme per iniziative di legge, per petizioni e campagne) ed eventi “culturali” con rappresentanze di una sola parte politica. Il salone fieristico si è andato così caratterizzando come un’operazione ideologico-culturale, e di recente anche politico-elettorale, a favore della diffusione delle armi in Italia».

In occasione delle precedenti edizioni, le reti pacifiste italiane e locali hanno chiesto alle amministrazioni comunali e regionali interessate di promuovere un regolamento più stringente, adottando ordini del giorno e mozioni sul tema. Il 9 febbraio i promotori del convegno e della tavola rotonda presenteranno lo stato dell'arte delle iniziative in atto, grazie agli interventi di Andrea Frison (ciornalista del settimanale diocesano La voce dei Berici), di Piergiulio Biatta (presidente Opal), di Kristian Gianfreda (consigliere comunale di “Rimini Attiva”), di Cristina Guarda (Consigliera in Regione Veneto della “Lista Amp”), di un rappresentante dei Gruppi consiliari di minoranza di Vicenza e di esponenti delle associazioni di Rimini e di Vicenza. Modera il dibattito.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.