Nessun articolo nel carrello

Gesuiti latinoamericani: non con Maduro,

Gesuiti latinoamericani: non con Maduro, "nì" con Guaidó, è ora di un governo di transizione

LIMA-ADISTA. «Siamo coscienti del fatto che le cause dell’attuale deterioramento della democrazia e dele condizioni di vita del popolo venezuelano sono di vecchia data», comunque l'attuale situazione risulta «eticamente intollerabile e politicamente insostenibile». Questo il fermo giudizio del p. Roberto Jaramillo nel messaggio finale del Seminario latinoamericano “Ricerca di alternative politiche alla crisi venezuelana”, svoltosi dal 4 al 6 marzo nella capitale peruviana. Il Seminario era tato organizzato dalla Conferenza delle Province gesuite dell'America Latina e del Caribe (Cpal) di cui Jaramillo è presidente, insieme all’Università Antonio Ruiz de Montoya di Lima e all’Università Cattolica Andrés Bello di Caracas.

Ne dà notizia l'agenzia Fides (12 marzo), che constata come i gesuiti siano in sintonia con «quanto scritto dai vescovi venezuelani nello scorso gennaio: “Viviamo in un regime de facto”». Citando i vescovi, Jaramillo scrive che «l’Assemblea Nazionale» - il cui presidente Juan Guaidó il 23 gennaio scorso si è autoproclamato presidente ad interim, “sollevando” (nelle sue intenzioni) dall'incarico il presidente legittimamente eletto Micolás Maduro - «è attualmente l’unico organo che ha legittimità per svolgere le sue competenze».

Pur se la «situazione politica, sociale, economica e geostrategica» è grave, i gesuiti vogliono continuare a promuovere «soluzioni politiche e di servizio» che riscattino la dignità umana, «condannando ogni abuso e manipolazione del potere politico».

In un colloquio, poi, con Fides, Jaramillo ha informato che «una conclusione generale, accettata da tutti i partecipanti, è la necessità di un governo di transizione che contempli un’ampia coalizione, con attori di tutte le tendenze politiche realmente democratiche in Venezuela, e tale governo di coalizione convochi elezioni generali, libere, trasparenti e con garanzie democratiche, non appena sia possibile».

Nel Seminario è anche emersa, sintetizza Fides, «l’impossibilità di utilizzare, come criterio di analisi della situazione, la polarizzazione tra destra e sinistra, oltre alla “necessità di stare dalla parte delle vittime, cercando canali di ausilio e soccorso di fronte all’emergenza umanitaria”. Occorre, inoltre - conclude il gesuita - che la comunità internazionale “contribuisca a cercare soluzioni politiche senza intaccare il diritto di autodeterminazione, ma collaborando a ristabilire condizioni di vita dignitose e democratiche”».

*Juan Guaido con il vice presidente degli Usa Mike Pence e il presidente colombiano Iván Duque. Foto di The White House tratta da Wikimedia Commons immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.