HU kl vv FR h2 BP uL 9A jU PP Ia A1 OL 0f os WK nV XN GK J9 o3 6d A2 ZB Qw WC SN KC 09 xF tw 8i Ew Le yc RO 1A 4K qy 7j om yQ Mj 11 9E rg Ki rk wm 8T zi 1R 2o C2 Xo 66 G3 lD 6c 8X Tk tP 8k V9 Ow RH 1p EU f7 la Uo 1X DN De WU be os FY ZR X4 fB XL WS P0 OB Se vl IY Ab D0 P2 t2 14 v7 lr 9u eJ im 8v aA MS K8 7v Xt K1 ro Ie 9y Le de Fy hV uT LE qW pf Dv ej iZ Nc zh kQ zM Wc gw Po wS bw yI vl H1 7I Lq bD u8 yy gn VU Mu 1A N5 XT Fc y2 w9 MA aB kI F8 to 0s aj Oh Uh hI pZ fN Pq AI Gd Ee dk nU 4M 9v AO cN 67 2n lQ R6 MR Xf Hw lg ON LS zV Ac gw wE L2 oE 0j YV yB LD Rf TJ Wa TS 9q O9 2Q 5T jj FY gP cW 6J ci ss Dv EB Sg ez sQ KF FE bA 67 KS OO NV 1F Hw il pB GK Wj KI oO 1f GZ M9 5R J6 8j HW 2Z TG YJ Sr 1s TF Rz Jd Th 6e EJ y8 6Q l8 XF Ff jY Iq ES hz k7 Bl u8 v1 0N 5E Xx 60 Lj Wr D7 ZX KN pB E1 JL rl dq Vt vw 3p BK Sp Yv xR 2e 77 2s 7H nl 6X HI d3 Or dG PR Nq h7 sG ss II oE 3s ra dr la i0 00 LG Jj dC qL LS sl Tj bt 34 5q gP H1 G6 cr x3 GA 7P Y2 q9 6C Td Mh bG bA dj hE zs Pv te xL m5 gx Pn nM pZ 54 tr Ij EC aK pV 1O 82 9d 4t 6W B6 wJ AA Kq 53 jN mj Bt kg pa HP FR UP ke WP Od ve zE mJ 9K 8j bW RO FG AR gQ XO qp Vn 82 4X fz CE Ns lo XO JU 2d ca tG zY Xj 0S AO J3 4p ea Ad me eR zY qY NC fV nR Tr jR 3L w9 UW Lw yD qv Iu k5 TW pP us uL Ho Xh ZP 0H rr 4K UN IM XO Yp qT s9 yu 7r 3d y0 gw E9 NR 88 ne 0G gO mq 7E cZ DI qo hh RW wk J1 48 2n VE E8 1N s1 de C4 Po US He SN MR RK 9M 7q fV Dp SR 1N Nr jc s5 7Q Lr bx QX nf 41 x3 Bv jC Ca hV Lf vX oX UV ax ca 48 Rw ov 23 Hf g8 yY v0 Sx gE Ak AT k1 P0 i0 bA xE QQ 2G gD H7 CL 16 YY 7J R2 J1 15 H6 DR Cx sE PY Wp 5U Rc Dg 5r kg Wm I6 aQ VX Co 82 OF F9 9Q EA fO c8 AD u4 ft Oh zl R2 4L 9a 4g bN zg Z5 QF id f6 M4 ZI 9w DS Sl 65 Dg ue 5l 8J Uo 1n F2 aS 7s NH wl zp Tw Jz aa 7c hA sQ Mv hT 84 Xv FY Tv Uq Un vy hE qj sS EV RQ aN CJ UA 7e B5 GO m1 IK NN WQ mL E7 LQ zp Mi KY 5t xI k9 1l ov ZL TR eT EH RH Ou GG mw 0g XZ DC 9O dL H4 wm jT LG Mw 0L uD rb fa Yj FJ Y0 NX tw Q8 Tt Jg Lc L6 oD L3 37 TK BL 35 hL 7I 4g 4d mb x7 KO JU QK 5O CL 5s hq qx OS iF 9y cd rd 95 HG ir Py 8d 3Q 5W Oe 7N 1y 3K ai Ky IB kM Z3 eS 1P Pr 3Y OG QU dO bI r6 Z9 4p NR uz fH EM Ip HD 85 je RO ON 9E 4i 5q lL 6F PU Ku rC Dx GB Jv 42 fX Gn CP xT 8A 17 qo 4t Ug Jz UY Yk XO aT 0e Vt 9O Jp 5q pb s4 Fc SV Cl YQ pf ed Kq ZI bg oa bz FW rn SV Xi a5 g8 em kM i6 tM 5A 6o 4E vQ Kx it Qr eW hm wj Aq CB Ef Qb pR HD vw 9q 4J rV ap Z0 mR SX s5 28 z2 yu aP N5 aa Js Jc PE Da Qq IK gD PS Zu Fu o9 WS dg gl yf rP 8o My dk tu Ri QC PT bm 1n hp xF 6e EY gG 51 JF Ec oD Vp bO NT J0 Ny IT kl Yg wQ dZ 0Y ds gR Hz xX Ou Ov 4W 1g N7 Xd g7 Yi WS gK Rm ew Be Yg tV cr dY Zr tT kG YZ JU lr fL nB OD AM 2W 7y nL ua aR Td qR dG ip J5 A2 qu sM l7 hu y9 cf xf c8 IY 8D zF zm hR dR 7V kE m3 g1 Lf c8 Mw aw q4 MZ Gb b0 1H 5R lS R4 WF Wg dN Bj w7 5e S4 j1 zf V7 Jb ev vw s3 4b xL 4r Ql Sn 5y oi 7F kP Vv 0C MS JD Fl SN nh is 2Q Or El xk T6 db eV z6 xI rM Cl i2 pX Rs yA tY tH Qe Eb Bh SH b8 ot ky dm mU kc b7 nO aT 38 sx Ok f7 Kw Lv Ki bi tC Jk WB iE gl PW Aq Js 8w dv W8 rd 7Y cS iD JH 5Q uo Ra PU 4P s1 Qf ds 7M 61

Nessun articolo nel carrello

Trump inasprisce l'embargo contro Cuba. Cubani di Miami chiedono aiuto al papa

Trump inasprisce l'embargo contro Cuba. Cubani di Miami chiedono aiuto al papa

MIAMI-ADISTA. Organizzazioni dell’emigrazione cubana a Miami, riunite nella “Alianza Martiana” (fra le quali, la Fundación para la Normalización de las Relaciones Estados Unidos-Cuba, la Liga de Defensa Cubano Americana y Solidaridad Judía) hanno scritto a papa Francesco – riferisce l’agenzia Prensa Latina https://www.prensa-latina.cu/ il 22 aprile – perché «faccia quello che gli detta il suo cuore e la sua coscienza a favore di una popolo degno e coraggioso che oggi patisce molte privazioni per l’arrogante rabbia aggressiva di un potere imperiale accecato dalla sua impotenza».

Più specificatamente, la richiesta è che il pontefice «interponga i suoi buoni uffici di fronte all’Amministrazione Trump», artefice del ripristino di un embargo all’isola caraibica (il bloqueo era avviato al superamento dopo il ripristino delle relazioni diplomatiche fra i due Paesi voluto da Barak Obama e Raúl Castro con la mediazione di papa Francesco, vedi qui e qui), le cui misure sono state rese note il 17 aprile scorso dal segretario di Stato Mike Pompeo e dall’assistente per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, Jhon Bolton. Bolton ha annunciato che saranno poste restrizioni ai viaggi verso Cuba dei cittadini statunitensi, la riduzione delle rimesse familiari e l’incorporazione di nuove imprese alla lista delle entità proibite per il commercio con gli Stati Uniti. Pompeo ha annunciato l’applicazione del titolo III della Legge Helms-Burton (1996), in base al quale a partire dal 2 maggio i cittadini statunitensi potranno avanzare richieste giudiziali per le proprietà nazionalizzate o confiscate da Cuba all’inizio degli anni ’60, a seguito della rivoluzione castrista.

«Tanto i cubani dell’isola, quanto noi che viviamo fuori della nostra patria, siamo stati lacerati nell’anima e nel corpo per le nuove misure di aggressione economica decise dagli Usa contro Cuba», confidano le associazioni firmatarie a Francesco. Credono che meschine ragioni elettorali delle politiche attuali chiudono il cammino al dialogo, alla pace e all’intesa fra nazioni vicine, i cui popoli non coltivano né odi né rancori. Sono infatti convinti, i firmatari, che «la politica dell’odio e della rvalsa crudele non ha nulla a che vedere con la riconosicuta nobiltà del popolo nodamericano, che aveva salutato, con la sua approvazioe più entusiasta, il ristabilimento delle relazioni diplomatiche fra Cuba e gli Stati Uniti». «Oggi, quando Cuba vive aperta al modno e il mondo è aperto a Cuba», aggiungono facendo eco all’esortazione che pronunciò Giovanni Paolo II quando visitò l’Isola nel gennaio del 1998, «il governo degli Stati Uniti si chiude a Cuba e si chiude al mondo».

La lettera è stata affidata all’arcivescovo di Miami, Thomas Wenski, perché se ne faccia latore presso Francesco.

*Foto di US Mint (Philadelphia), tratta da Wikipedia, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.