Nessun articolo nel carrello

Il sultano del Brunei riconsegna la laurea ad honorem all'Università di Oxford e sospende la pena di morte per i gay

Il sultano del Brunei riconsegna la laurea ad honorem all'Università di Oxford e sospende la pena di morte per i gay

BANDAR SERI BEGAWAN-ADISTA. Il sultano del Brunei, Hassanal Bolkiah, ha riconsegnato il 6 maggio all’università di Oxford la Laurea honoris causa in Legge conferitagli nel 1993. Secondo l’agenzia AsiaNews (24/5), è la risposta alla lettera inviatagli dall’università il 26 aprile scorso, in cui il prestigioso istituto accademico considerava l’ipotesi di revocare il titolo. Ipotesi paventata pubblicamente il 6 aprile, dopo che il Brunei, tre giorni prima, aveva introdotto la pena di morte con lapidazione per gay, adulteri e stupratori, nonché l’amputazione di mani e piedi per i ladri. La decisione dell’università era sostenuta anche da una petizione, finalizzata a chiedere l’annullamento del titolo accademico, firmata da 120mila persone.

La protesta contro le nuove norme della Sharia nel Brunei è stata fortissima in tutto il mondo – le stesse Nazioni Unite hanno condannato le nuove disposizioni – fino a consigliare a Hassanal Bolkiah di far marcia indietro: il 5 maggio, domenica di inizio del Ramdan, ha annunciato la moratoria sulla pena di morte anche per i “reati” di omosessualità e di adulterio. «Sono consapevole – ha detto in un discorso radiotelevisivo – che ci sono molte domande e percezioni errate sull’attuazione del nuovo codice penale. Non ci dovrebbe essere alcuna preoccupazione per la Sharia, perché è piena di misericordia e delle benedizioni di Allah». «Per più di due decenni – ha aggiunto – abbiamo praticato una moratoria de facto sulla esecuzione della pena di morte per i casi finiti in giudizio nell’ambito del codice civile. Questo vale anche per i casi decisi nell’ambito del nuovo codice penale islamico, che fornisce un quadro più ampio». Nessuna pena capitale è in effetti stata eseguita in Brunei dal 1957.

* La Moshcea Sultan Omar Ali Saifuddien (Brunei), detta moschea d'oro, in una foto di Bernard Spragg, tratta da Flickr, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.