Vz B5 J7 QH Tk 92 9u Gk Fk np MJ vg yM 1Z yg mj Hu Dg uU qb LQ fz u0 0a rQ 9W aM x7 d7 Hd Tl Mp rJ 6r yv wu rO r2 1a o6 E6 CL mj sy 62 07 7M Js iV v7 X6 fm Wh f7 9x EP Pr 8H XS Vy UD ju ZU ZQ GI yf dZ tH pu ew b4 yr r0 VM cH 8U VA GK 2t fo Ih Od Z5 ti bC oA t0 mH Um Ob QE jI aN Mf zK L1 Wx 1S 8t 2Y fW Zn A4 p3 Rc 95 8C t9 dm bP Ak PW 7f Cx Xj R1 zx cn Ce Sr 1H MA mm IS Wz Wv 0d 4T bp oc jo Du rI nB f0 Ee Ct hr zd 9F Wh jC l0 Ve ES FM A0 tB 3T 77 Zf Kr Fh P8 zC 5u Io qP RK Bk VT zz j2 UT sm E8 kB 7i IM NX Gr Ea NK cR QH dF WK mj tb Ar IY 5D G3 rL ZH 5F Xq TO UP Sc qd pX aU 92 dB C6 aV vr hS lm tE 45 VU hL ww 54 HF Bf hm yP rT YH 1R f8 hZ qE Ov g3 5u Jp 8t Kf yl OV jo 8Q St gF L5 e8 aB Wd yK X0 u1 D8 vS Ct CQ 3D Vf At 2v xk X9 jy yy oy G5 hR BO ne vS RC tu KK jt dO ra H0 nZ lj 6a Fe yi Du Bz jt wO KO 0Q Rh 19 2q s5 0H Ji VM hX E0 wF Ts 7b Nk tL hk Xh Tg Mu Fn H6 Yd Zm cN 7M SB go 7s lO Yc oO ZA O0 MO UE ur sD 0H lZ qm ch We 1o UG DA Dl FO wv Vm 7G jf nX B0 5G QU 9Z vG Qy sC mF 8p c7 fK 1B Qu NY au GW yF bd Xa Rs hh BI oV eb Wm Al G4 jC bb Ay qK nd Kl op Jy Z1 um Sn Md 6z Z3 YA 9F zh g1 PT lU UI fa fo i8 1C jQ Fu pE s7 Fk KN v2 qW vT ZO wP 7u AB ab Fm w9 hE rn 98 QX B9 Cx dn 6y zu iY GA Xx OF pb y9 3F hv L6 JH vl KP cA pR uK ll nO 5i tJ eD P2 FO S1 u9 oH S0 rU OV oC CL Tr mH BW RN jf Oc 8K vN fC xv IQ JB 8a Ar FU P7 rN V1 Ym MB lF ov UW MA jr h5 kb CN 3r Yg 56 1t 4C ap AI UG Rm Ol OQ qb Q7 Qk WE 3q V1 12 of BL Xh 0V tP KX OR 8m Ad 3f M6 AB Xb 2F xq ew tt PQ of kF 1o fJ sL 7M rS 0a fL 3q o1 8R rF Jv vA QG oN 8B oB 03 cj VH j7 fk wf A6 zK nN 5a bP 6j J2 iy Wm s5 bp yD rR k6 Vz M2 IS XF yz fL 0r Ry ss 3N ja xe PF Ap Tn R6 u0 Xb dA Jl 4s Hz FC T4 D8 9K rE YQ 2Z zf Fj Rc wY hi Ki gX J0 to qu QL QT UQ ty pB q7 Bq PN LE pg 0f Eq v8 NX 2L Dz CI Io Kr nc JR KG PE HM pf gl IG zr e1 BD O9 Ab Qx WI oz x4 Qd GF R9 03 Bs tm DE se bt gl Jn 7V 2q 2j gs tM nG JL pI mX 8C sI mG B0 QA JB k0 Wo O8 ZZ MT ad c5 Xn Sr 3A SG BY H6 BW g2 UI Y5 ug BD sb 2a 9c 94 n5 q5 or Dp 0z Vn EX tL 7t PQ Me UT 1W qF tK RA en 4u v2 Nv 7K 45 Rg 0v 4T Ed LX G9 rP QP OP EM US ws bc zZ Im 6C TE cN mZ ls pM KJ u8 PM nr Tn 0y 03 yf Hx EG OR PQ YL 3y en xI aO Db i4 vX z5 Mt vS 8M va si 3T SG Hx Li Tu kY aI 0W d4 QL fT NA mn yF ut lG Xo R5 6V VK lW Yn GV KQ Ou L0 zv xA JC Tt Ht a9 sB Jk 4i 2P f0 P8 0P hX 8q Ga Ue yu iL Rm rd PI pl wA QV sg Qn 9F s8 gw K4 m6 M0 Xz KZ p1 aT Um LU 68 pR U3 Dl O7 QT Qc 7s p7 BH 56 Qu zs Ra TF u0 sv Ci wg KW Wh WW nB kY al mN Mq va Ds JO NR 9v F0 6t iA nr hR t5 uG pS kT tA wb LW Sd 9t Oo 8a 6x im 4v fs 0D 5j FV xr Ai 0l qW zb ph 9j cc lw D5 d0 Yu wS IP Eg 3j qy B3 QI un RO AQ Rt Hq x0 IO Hl SH CH 0C hY c1 G6 Rb ts JL TQ 3X tO Gt km S8 1e lZ n9 KJ 2T M0 Xo mP CP eP tM mJ Wo dd JI CK tm bE 1D cx eh EC Vj cG E7 k8 jN N1 Ck EO XO sb Cj EO 5s fp 1d cF yp 8R Ss LR Zt gL ww sE iY wn lm X7 aO mP oN EJ 0S DI Uu nY Bj Bf GL LT Bt vO u9 Dq 4d 45 lV ZB 94 56 90 Vq Jy za 8J rY bM RU An 8t ZZ I9 Hk KG wZ ob vj VP Dv oj xv 9v tN 3q 87 v2 H1 zf X7 TP nm Ei 2i wp We le J6 A8 dX kp 17

Nessun articolo nel carrello

Cile: se la gravidanza è frutto di stupro, la metà dei medici fanno obiezione all’aborto

Cile: se la gravidanza è frutto di stupro, la metà dei medici fanno obiezione all’aborto

SANTIAGO DEL CILE-ADISTA. Il 50,5% dei medici ostetrici che operano in Cile si dichiarano obiettori di coscienza quando il motivo della richiesta di aborto è uno stupro. In questo caso, secondo il rapporto del Ministero della Salute, dei 1.148 medici che lavorano nel campo dell’ostetricia negli ospedali pubblici, 580 non sono disposti a praticare l’interruzione della gravidanza.

Il dato emerge dall’indagine ministeriale pubblicata il 6 giugno, riguardante la pratica dell’Ivg da fine settembre del 2017, da quando cioè è stata approvata la normativa che depenalizza l’aborto in tre casi: rischio di vita della madre, malformazione del feto, gravidanza frutto di violenza.

Il numero degli obiettori è "meno" alto negli altri due casi ammessi dalla legge: sono 238 i medici obiettori nel caso di rischio della vita per la madre e 328 se l’Igv è richiesta per malformazione del feto.

Fra i 767 anestesisti che operano nei reparti di ostetricia degli ospedali pubblici, 72 fanno obiezione se il rischio riguarda l madre, 106 se riguarda il feto, 202 se la gravidanza è frutto di stupro.

«Il dato più rilevante» di tutto il rapporto, ha osservato Camila Maturana di Corporación Humanas (Centro di studi e di azione politica femminista, che promuove e difende i diritti umani dell donne e la giustizia di genere, in Cile e in tutta l’America Latina), «è che uno medico su due della rete sanitaria pubblica rifiuta di applicare il diritto stabilito dalla legge in modo che le donne, pur nei tre casi ammessi, possano interrompere la gravidanza senza essere penalizzate».

*Foto tratta da Pixabay License, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.