Nessun articolo nel carrello

Stop alle bombe italiane in Yemen: la Camera approva

Stop alle bombe italiane in Yemen: la Camera approva

La Camera dei Deputati ha approvato oggi una mozione che chiede al governo la sospensione della vendita di bombe italiane alla Coalizione a guida saudita che, come ampiamente dimostrato, le usa anche per colpire obiettivi civili e infrastrutture (come scuole e ospedali) in Yemen. L’aula di Montecitorio ha discusso sulla «peggiore catastrofe umanitaria presente oggi al mondo», si legge in un comunicato congiunto di diverse associazioni (Amnesty International Italia, Movimento dei Focolari Italia, Oxfam Italia, Rete della Pace, Rete Italiana per il Disarmo) precedente il voto, trovandosi a dibattere su più mozioni. Tra queste, quelle del Pd e di Liberi e Uguali andavano incontro alle richieste della società civile di uno stop netto al flusso di armi verso i sauditi. Ma la Rete ritiene ugualmente incoraggianti, sebbene meno perentorie, le mozioni di Fratelli d’Italia e della maggioranza Lega-M5Stelle, considerandole «un passo positivo e soprattutto un’indicazione precisa e vincolante per il Governo verso azioni di sospensione alle armi da intraprendersi subito».

Alla fine, dunque, è passata la mozione di maggioranza – con 262 voti a favore, 214 astensioni e nessun voto contrario – che mira a fermare le «esportazioni di bombe d’aereo e missili che possono essere utilizzati per colpire la popolazione civile e loro componentistica verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sino a quando non vi saranno sviluppi concreti nel processo di pace con lo Yemen». Oltre alla moratoria sulle vendita di ordigni, la mozione impegna il governo a valutare «l'avvio e la realizzazione di iniziative finalizzate alla futura adozione, da parte dell'Unione europea, di un embargo mirato sulla vendita di armamenti ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti». Al governo la mozione chiede infine di promuovere, nella comunità internazionale, una richiesta per l’immediato stop alle ostilità e per il ritiro delle truppe dallo Yemen.

* Foto di Meteb Ali, tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza. Immagine è stata ritagliata

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.