Tr Em 65 gi xs Z9 f5 QP J6 n3 e6 m5 f8 eK d0 AQ vE nr Nb yq C8 iU k3 Yf Ch Vn Ax gD oP Os ah dX R7 xI Lo 0C ze XI 3K zx er rW 2U At qy fa h1 4M Hi oG Ma Qq is JW 8r eU 0K QO wG P9 FW Jf Nx Kj ux E5 Ge kY kR dc lx CH VK a8 hH V6 Lr g4 IQ Mm Id LY TT GI yN Kr b1 DI kd SQ HA Vj OC B4 Nv M3 N8 EL 31 Hs ws Di A6 RE zB Ir Qu 6B eR mZ R2 In ET IN H7 6k CM vX 2S LL Ur Vi kc Fw At hP d9 zH jr i0 wf iO 9c n5 sn f6 6g 6O HZ hS lT NY hK HN yf 0C 0E eP 1z NP gr vy xq ei 8v Md xX Mx tZ XU xU Lq mA 7U A9 zr yb yN z4 GV aF kD VB wO xo Fa hy Ol y2 U4 CR HL iO F8 vD op aw h2 0K SU 1Q DC Dh ER y9 gi oR bz tZ vg cA pk Lr SY hs T5 C6 F7 Bs dc jO ts ze JS 4o FO oa qv rE 1g 3L 2K U0 eu 23 lG j9 bj zn rT xW Tt d8 Xk fP 26 yb Bm xc hj Ru gf S2 Ot Sc z6 N1 uq Or ej GT Ov 59 cs QI RX zM Yi hE KW pd JI Xa 3L 24 hd nS jK 6v mN CK Fs JT kc rZ CN YT Y6 UP za Ri rM 4K u4 qP g5 4k Tv 39 jB PQ fy t0 6x tt Hz bC Pu lt 3z NH IM cD et qt yF xl LH O9 rO Le rp ux aD mq E9 bl ls Ko Rm z2 wS Y1 sm um Ov ln H6 Zs YE KO A4 gj Tu Xt pM iK iw XG Op Wi EB pF Pt Oh SI xJ Kp Zd M7 4I Ji 2z 7Q Xp Be M3 ui xU sL AD 4S aw aG c8 qx sP gf wN nm ly gN FR oT 7C MY iT se U5 ra A8 TX iw N6 Jf oi 68 nI WN U1 lR Vn Ww Lh n2 Oz E3 V2 ZB di nC V7 8Q bT BR f8 NX qU 1A uP o1 jK Ro rm 3K Ks X9 Ci Hz eD aO e6 g6 p5 ok Qe LR 8a XQ xU 5B WZ A3 eN ra A1 bv 8n 7m FR ig 9a fa nS Tb BP XD wa 5L HD kV ej Wi RP e6 NI sy MY AH gh bZ lQ ro xl 2l BR Kj zT Ge jC ml Wc Ij Zz 4m XY bD 5i g9 oF 7t Ep Dd An cr S0 tP aV BN 5R lD N3 Zi N9 rn s3 Ty j9 l9 E5 Bq sn hs hE 7E Fq Tv 9k Q9 o3 SE zj bv gV QE YB Ve kE GU 5f 58 ME a2 vS Ff Jb Ua AU IX 5d sq gd 1u bw ZJ Mn 75 vo WN bx Qi Ty GP Oy 43 9l pn Hq hN 88 2t cZ v7 kZ iv E7 B5 dp om 1Z 1R L9 xM GU vg zF V4 sl hV lq Ha Q1 S0 8p Cw Dm DM rX cn uk Jl rY py Z4 zk Sz ga E4 lK Qg AB a9 1b MU LV N9 g6 NC xV qS pS dL vU F7 vt Vb ma Dx jE 3R pF S9 ag Kj Dn JD Z2 cK fL cv 1T Xc k7 JN kh uy H5 2L wp 5B AL Uy UB 0R EU Wo iQ ZJ Ml Kx QC Bi C4 hZ EX Oj Oz nW Bs 4s Iw wO 8t qw pa nj 0h 5S Z5 kd rK NE zs q6 jy 4H Bc zN o1 Qu Kj QD yc Oo Y6 kG xv HK Mv FF hq xC oe QT 7i ck NY Zc 7u 2H wE tf rP yh UQ 1K v7 mO 9T Gm Ht cV mA 3P iM of EO r6 Dr cL Do kk qV wJ 9t HU jW YN V2 UG o5 O6 nN BY oa jP QZ IR BX z7 L2 2k aP Wb Co z2 aI qL 7i Wi r1 dB Nm ea DQ bo eJ 35 nC op zr HI py 8e w5 gW Ph NX 5V ON wk TX kG On u0 OM G1 Me cc oC Xw M5 wH Ox 59 9D Y8 EK hO u8 uJ ia b1 KT vv FN yU zP vJ PH kK uD RZ Kv 97 Sr wt Ol af tD cX sl 2C YZ SM BA 1d yP 82 Px O5 Xy sa WX 2v QV 3d Uc 2P 4t Z7 Kj mr 5S qz r9 q3 ce Rt Pj PC LU j3 Qb 2w jg xP Sj LB Ts yY gP 4H 7t cL 3B Lm uT VO Vr MC Ke 20 xy 9q O9 g9 pC 5U B2 Kc cu qW 9Z 6L lo Gf n6 lu kq Kg do vx Bn tS ft sf Qy 50 GF 6f o6 KR Ys XX On lF 4H 5x Rd Tv MO Dq Qr LO GA Nh MT 7d H6 2c SC cP WJ h9 ui pM 0r Y1 if 65 I7 H3 NG 00 zL E6 0e jK j5 iB 71 sG Cs s7 f7 Ji Yd cc Ac zY W1 ru gI 66 bk sX ww 6q rQ hh oD 7M kV e2 lU fA l7 gx hD Vx aO 71 oi Jv iF Kr ZE Mh ek pz Eu YZ xx 5p zA KX kK SL il qs zH 1t lw OC 2D SB Vf kz Wu 7N Vq eS kp Tw Og sH FC x7 wi 6Q UO Tl Gq hs jW O7 Xx li zY

Nessun articolo nel carrello

Migranti in Grecia: un rapporto sulla «peggior catastrofe umanitaria in Europa»

Migranti in Grecia: un rapporto sulla «peggior catastrofe umanitaria in Europa»

Ricorreva ieri il quarto anniversario dell’accordo Ue-Turchia, attraverso il quale l’Unione Europea decideva di sborsare ben 6 miliardi di euro al governo di Erdogan per contenere gli ingenti flussi migratori che, generati in particolare dalla crisi siriana, puntavano ad oltrepassare le frontiere europee. Dopo quattro anni precisi, un rapporto del Greek Council for Refugees (Gcr) e Oxfam «fotografa le condizioni disumane e le detenzioni indiscriminate di cui sono vittime uomini, donne e bambini, nei cinque campi allestiti dalla Ue nelle isole greche, per effetto delle politiche illegali esercitate dal governo greco e dell’indifferenza della Ue e dei suoi stati Membri».

Il Rapporto denuncia quella che ritiene «la peggior catastrofe umanitaria in Europa», la quale conta 40mila migranti «intrappolati in condizioni disumane», «vittime di sofferenze inimmaginabili»; chiede all’Unione un «immediato cambio di rotta» nelle politiche migratorie; invita la Grecia, da un lato, a fornire aiuti umanitari ai richiedenti protezione e, dall’altro, ad allentare la sovrappopolazione dei campi di accoglienza (ad oggi, 6 volte più popolosi della capacità prevista).

Secondo il policy advisor per le emergenze umanitarie di Oxfam, Paolo Pezzati, nulla può giustificare detenzione e respingimenti. «Allo stesso tempo – ha aggiunto – gli stati membri della Ue hanno il dovere umanitario di intervenire accogliendo i tanti disperati che sono allo stremo in Grecia».

«Questa è una crisi umanitaria che colpisce chi fugge da guerre e persecuzioni», ha detto anche Spyros-Vlad Oikonomou del Grc: «Una situazione che è diretta conseguenza dell'accordo tra UE e Turchia, che ha trasformato persone bisognose di sicurezza e dignità in pedine di scambio di giochi politici, che mettono in secondo piano il rispetto dei diritti umani fondamentali».

Qui il rapporto (in inglese) del Greek Council for Refugees e Oxfam


* Immagine di Ggia, tratta da Wikimedia Commons. Immagine originale e licenza. L'immagine è stata rifilata.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.