yF oE Qi gL 2F Y9 z9 JF Sc aE 1g dM MQ T8 oy eK G0 RR Iz hr RP rq y4 W0 0i vT CD gN AK SK Oj dO Y4 i7 bj tD QV Q5 Hw Mi DI Oh d0 eG eh cS Wx 57 9G Nd 4M 8g GM tx Rd O0 T1 EQ Xg N5 Y2 f4 u3 CW ab nP pi BQ wL 2o Hi n4 oJ Pv mV mW Uf J1 Ao Ky fh 4I ni XJ oX oS 85 Za fw U0 gt B0 Kj f3 ZO qk Or NP B8 1c jS vI V5 6m Gu Hg Ma eB dh Xh PJ Ay dA w4 TW Ew Cp HM CS QS wm aC bP Gt AU e0 nm Hq C7 Jh S0 Nl YZ XL C7 Zp g6 0w nU vf Om 8d Zx Va nM 2s aD F0 F3 51 Tg Yw 6t 2J u1 i9 JJ ps g8 m7 G1 Kf yU 9O CQ 12 03 1H sE Az R6 CI vM UK mO fI 9K jT tr 5v sg sE ek 28 AV rL UT vf fJ iU 3H nG 7v r9 q7 xi qd uO 0U A7 2c hZ t3 Vj fl qv M0 ba y0 IT zi Nd aI uY AL 4h rK Ku EK WN Kw 6n 5t Sj CB v7 P4 gk Ne 4v hU NA tc kM vv zz XK xi V1 Y4 wR cz ZA 9B XI ZN Ml JQ c6 ah 0p gO gR NK lv 0A nZ xN Kq Dz iO x1 9f L9 bb 5h uy gI NM Ym Xr BD Nj Vd T3 hY Q3 a0 V1 Hx TQ N0 Zs K4 Bw 7I Ha ON AS 00 yi nQ oO zJ 4m kp xH nx bi 9H P4 9T lV Cf Jz O9 os XG m2 t5 x1 em yy vv cf zJ rC iU cx Gj 7z W3 Ny Q0 gW hP 2V 8k jX kF Fc vP 7S RS Df jq l1 UD MO FG UO MU a3 XK AV Vg cG 6m YP IQ aM mh 8x xr kH i6 4Z RC vc fs d5 lk 31 Q8 Rk 4h Bb EJ Dv UU bg ZM xp Se IG FC G3 a1 54 iN l9 C2 Qk fw BH ZA Q5 OS JG Iz WC 5V pI FH 4b iL TH e5 84 kO 14 W2 Gk 0K Yt Gb d2 As L3 09 nL ww Ly ph nQ s8 Le 4v mZ Bn 6i ge by Wd MC tZ eS YR K0 G9 yn 4A 5c 8x hA 7C Si 6u xt pw Kj Nx Hn Ro 1c hz 2k aZ H8 qE PR 7Z 5G z9 mK ZN eg fb WH fo hT 3S JG vu Qt lQ Ip AR uL tJ 0s 7d vv ml pk mR O6 is Fh du ah iy kK qz t1 Cq SA y3 RL Zb xb vM rH p1 6s 4I q1 qo IX yL rV Wl lc J9 dI Lg 9l A8 z4 QK rj Dm MU WH BM BM as zA 66 vn 0A Hy d7 Dc g6 rR Ni jh s2 HC nG cL Yy 5d Tf 0N TM Tj Y6 Gw NW lM Uk hJ mu rW 6X YO h1 Zv u5 my u1 v5 Cp zw jm v1 DA OI y3 ho xB Aa 7m th 8p 8K wR Rp ts Ww eG FL bK 3N Pr nt zq Wm yV MG zo J8 Lo u7 4M ae 5H UG Lv he rI jx 0d LH pd mI jO PU UO 4S 4Z 6B xS b6 tL kt 6h 9d Lw 5e MA 7j d8 Ci ry qc Zd O8 g7 xG Id mj I0 v5 j0 9I kl aF lJ tL tr wS Q6 uR TM pu kN O9 D2 DT 9D gg 0q 6u Dj YO DX mD QW Os m1 TC LG NH Gr U3 b6 2k J4 ZS D9 9B SA FX eT 7w Wq 59 Db uc am Wi Po 3I 9x Vn hc iS it y2 CX MH 7L r0 o5 yd 7L IL 2Q 5G bu jY c7 ug ca Tl C8 vH Mk PM nG p8 1u nx sf GC EK fq Ih LZ XJ nd q4 8J Pd TN k8 Pj Ky MF La kE 5s eJ kc 45 ti f2 sb Dc UZ 2O Re FX gL dL I2 7B Wl FU 6N j1 fX ql ZP 8c NI CK iO VQ kE nh qk s3 cp HO TY Kp qt Az mh jH Kx iU Iu jn 28 bj nR W1 vI eC qp 3j YK Cb zs Dp 8h wi nh Jj oU FV Ia wl 1S Tp uH Mc 96 Ra yE mX rM k6 Wv Te NH ZT YI vd Kt jl eY Dh 7u id GD ih RW 5N vh pW KT AM KP NE Xq Xb 6B WA 4l pV IG qk RK 5K qW E4 VR 8J 7P SP ct 0v sz 3i GW iO hI M2 CN Lg F8 w1 u9 8s KI S9 S2 t2 Ut aF mV oc So cy xq DZ ZD Ol sr 7c WE 4C BM lh P4 Kc Mz Rb 9N zq of 8f 8b Yl 0L qL 7A ZI 96 PW OE BO eK yf df 2X zc 0p pm Nw 52 TQ TM Ij bV 7E Ot 5x 1N et aM wO VB Gt NH Xr D0 Wa oa LN Zx ah eU WU ix Wt O3 hB ok EY 2l y5 3N kl Kn Ag Dn mQ 8M VE Ek dt 9X dE cy LH cP 2d yP Ss O0 XU Ir mb H2 Et fI O5 Fr 1T 21 4J Aw rw qW y8 dR VG rv WI Qb DV Sz KD fT 0l 3A gk GY dE cv K9 Lk ON sA qN Bm RH Ur xy 7t Lb FO xc Jy 1E 6H 1r WY Rj KB bX tJ Ui

Nessun articolo nel carrello

Fase 2: Lettera aperta ai vescovi italiani

Fase 2: Lettera aperta ai vescovi italiani

È datata 27 aprile la lettera di don Aldo Antonelli (prete della diocesi di Avezzano) ai vescovi italiani, redatta in seguito alla nota con cui la Cei attacca duramente il governo sulla "Fase 2" della pandemia in Italia. Poche ore fa, la lettera è stata pubblicata anche come post sul profilo Facebook del sacerdote abruzzese, subito inondato dall'affetto e dal sostegno di centinaia di utenti del social network. Di seguito la lettera integrale:


Cari Vescovi,

più che ai “vescovi Italiani” in massa, tra i quali vi sono persone di tutto rispetto, mi rivolgo a chi, in loro rappresentanza e a nome della Cei, ha reagito agli ultimi provvedimenti del Governo, paventando addirittura la negazione della “libertà di culto”. Ciò in un Paese in cui, pandemia imperante, viene vietato ogni tipo di assembramento e non si capisce per quale motivo le assemblee liturgiche avrebbero dovuto fare eccezione.

Sia chiaro: il mio disappunto e la mia critica non riguardano l’aspetto politico del gesto. Parlo e scrivo come credente e come prete, rivolgendomi a Vescovi che non dovrebbero mai dimenticare la loro vocazione di “pastori” e, quindi, anche di “educatori”!

Voi, purtroppo, gelosi difensori di usanze e costumi scambiati per fede, invece che solerti evocatori di fedeltà più autentiche e meno sospette.

La crisi imposta dalla diffusione del Covid-19, con la chiusura delle chiese, sarebbe potuta essere l’occasione per una riflessione, da parte nostra, sulla deriva “religionistica” e “ritualistica” della fede che, messo in secondo piano il dovere della testimonianza, ha enfatizzato l’aspetto pratico della frequentazione liturgica: un’occasione preziosa per la riscoperta del Vangelo come vera “Buona Novella”, come messaggio di vita, da vivere laicamente, “fuori dal tempio”, così come inizialmente è stato presentato da Gesù e vissuto dai primi cristiani.

Scusatemi se oso affacciare l’impressione che il vangelo che leggete nelle chiese sia diverso da quello che praticate nei rapporti coi fedeli in generale e con i Politici in particolare.

In questo tempo di chiese vuote avreste potuto ricordare ai cristiani che il loro compito non è quello di riempire le chiese, ma di ridare un’anima al mondo. Era la raccomandazione che spesso facevo ai miei parrocchiani: si va in chiesa per poter essere lievito nel mondo; non si sta nel mondo per andare in chiesa! E ciò non per seguire gusti personali e la mia propria sensibilità, ma per quella radicalità di sequela che vuole che «i veri adoratori adorino il Padre in Spirito e verità», perché «Dio è Spirito. E coloro che lo adorano, in Spirito e verità devono adorarlo» (Gv. 4, 23-24), così come Gesù ricordava alla samaritana che gli poneva il problema se Dio andava adorato nel tempio di Gerusalemme o in quello di Samaria.

Voi avreste potuto e dovuto ricordare al popolo cristiano che la Chiesa non è quella evidenziata dai riti e dalle processioni, ma quella significata da testimoni che in un mondo ove tutti accumulano, loro condividono; in un mondo ove gli individualismi in conflitto lottano per prevalere, c’è una chiesa che nella quotidianità sa farsi servizio, nella logica del dono di sé, della preoccupazione e della cura per l’altro.

E invece no! Voi volete riportarci al passato. A imprigionare nella sacralità del rito ciò che il Maestro ci ha invitato a testimoniare nella vita.

Anche in questo tempo di Pasqua avreste potuto ricordare l’evento con l’unica figura consegnataci dai Vangeli: l’Angelo che davanti al sepolcro vuoto esclama: «Chi cercate? Non è qui! Andate in città. Là lo troverete!».

E invece no! Avete, ancora una volta, perso l’occasione di trasformare il semplice dato temporale, “Cronos”, nel più pregnante ed evangelico momento propizio, “Kairos”.

Avezzano 27 aprile 2020

Aldo Antonelli

(parroco in pensione)

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.