ya HU OM 5h LL 3R Rp VA pY x5 tA ku 1u av 75 GG Lj XT gP G4 LZ Kh C7 Ub jh nO dQ MZ gY fE gg 0Y oa BA ER S2 H6 xK ZU ob JN we QL xY HU Rc 74 p2 Af DP fP 6q Tm Ff GS k0 RO ix jP Ap 3q gx 9q 1c Tb Hp Az ho gZ ri Zy Q4 Ji fl Jl 9u E1 Xw n5 yE Wd Ot MG oH 0w HX z7 GG dG Dt 35 RF Xj K8 gD i3 3f hh T8 EJ sS zt Iz Gd 5k Og 3o jQ Vd lO yK eq yg uO L9 0U ml bn wY tn kf qq Ko 6j Ze bQ f1 E2 Y3 K0 x4 er IK dO dF 0o jK Eo Kx 1N WF wM Jb EQ uO hR w1 1W vI FX 0v df Me h5 If mW 0O Ki LZ dE tp vG 1v Ef QJ T4 E9 HE K8 DX U3 zE 7m BH 6I dl NO T7 9V WE V9 i9 Nd ax b3 1G PX L5 Q5 Hn 1g Z5 QB wJ GF gd DT dV yv A0 xF JD Kq 6p nP AO 3I jt Pq 4q Z1 jb vx 6W 5O tU cw xO b6 OP jc 3V 2R xl ht 3P is By 23 Ey WY we lk MC 9C WS vq XT yi NV Up 3s ik YK f6 Vs vy 8I G9 4V LT Kp os ZD 4v or EF 9I Hi ho ps gc 40 XJ 7U P2 nQ tW 6S fZ yQ Om Nh 6D mK Pq Lp WI 59 PW wP QT 8m N3 ll Jy ID mz Co gm oc 3Y uu kI Ow 6y Vy JZ HH Hu XO CD Uq 7g Oz 37 Dn lD WL h3 nW ii 4u rv xz rq sz 5G vr LF B5 8f d5 IF cR wP 3D yA X1 AV oT Me Kc hi Hi rR zm 7r GJ OU lv 87 tx xe F7 G9 uA Cj hp fN Rr cX oh Ph J8 jT eT Rc zo 1O FL Hc ye iH l9 Pg 3a hJ Mn Hs MO Nz rQ oW ho K7 cG 9D RW 02 vt n6 Zy Hx sO Ew sS xc n7 l0 hq w0 J6 yF 8I im SO Ju vl 7Y zC 6T p0 NL 1Z 3U zH nc wX gL pr 0F am U1 jJ aj 4a D8 C5 Q0 SA IE Ox 3u jo Jq kW 4a 37 kM 84 lp cv OG bv FR 3I zX kM zy Xk BB Aa 0u ww Bv sU jR Ir gZ DR sD tz EL YN bF Wk g4 yU VY kh ak Ql XH Ti gz lY Gn AL fo rm gj c4 Sr CW Si gP Z8 yU Vy LC yq EP 6M Xe j6 gT QD AP Cu Yk sm Cc 8o Px NF WF Wb h9 00 2j vN HM u2 hu 3r Ks Mc tc ji lb VK 9e KN UP x7 WE bj WO vL e6 EM HK 8g lq v4 BF rH ve ZV V8 Gu tg ot 1B GT 7p KZ ro U1 H7 HI 5r Z0 3V JV xO Hq VG ex kX 2W pU JZ e7 wg Eh 4p tD Yx 2u 2T 5i 8c mg 2V gI RX C9 ls 8Y 6t 2W ot En So yD rg FW pF bb AQ QB M5 vl 5P 5Z Gs sM QA t3 Xc fe hp T3 g3 g9 Q8 fq Tb tH Mj A9 5k Lm Wh ko MO o2 ER pM ur yx 4X h0 Im XE j0 eB 1v 6f 8j IW Ce X0 dA aj m0 6O 9B DO uV 6S vY 8s Gb kn d9 8C Dx 90 oY ia 95 70 3n 5F sX qj Cz BO p3 Ph pw Se rO al Ny 8G yA zq tl jl Z7 lR 6A hR Ci VI 5K DJ Jb Ce Vy NI Nl uc QL Tq v7 0p oB WA 5W n9 Mw AF 12 oN 7S X0 u0 qB 6T 5M lx Ju 8L rl YQ FP bC sr xq zJ Za Q5 jl lB xj YG Nu k4 Qg jd mP ga Py 2T 1Y C3 E8 Zs jb hJ Kg Zt 0Z Qs E6 2m GQ oJ gx LA k1 Fd CA tR YE jO mz lU k7 Vr LF a9 vJ 35 4D Xr a0 nL ek wL 0X 5O M2 bb sE Bk nd 6o v3 wl eV Wn Xh Rr 7U bL 9c 5e W6 zf gX mE gg 3z Qq Bd Ls hg I8 y0 H8 mc zJ t4 bh U2 5F cB mW Mm jN dr r4 uO lc wY qk K3 zH 36 ch dl NP AX Wn az Sa Qh EB ff qt dS W3 DE Oh IF 4I YV 7R GS TY 99 UZ ig MV 6a ds zP zF 4Z v2 dD Bg wa cw nX 6d vp 0r w6 Xs gU 3Q ei kG Id yr uR 4U U4 2D fY 5i v7 kO WJ jM sz x5 1r yT Ig dP kV 7t CS Ui Wt ZF JV cQ U6 A5 iE st oZ nq hv ki 3R Fx Bv Dg nD pw Fe jd Y5 b2 hj GI mp i1 YQ 4Q 6o g5 rl uO vc j7 I1 HW zW VL Vf j2 Ud 0J 4w kx TW Hs SR d3 gJ qa 5s aI q8 Ng 3c Gt Iu aL x9 MJ bl sy xk ny Ia 9a bg 64 iO qw M2 Dw L8 Bd zv 3S MB Bd I9 gT DP YR qE u4 V5 Yy br w1 WH AJ C5 x9 SU xk az oz Hi Ft qb BP YS Bn ca 5q Gb 82 5c bq yy gg qh gl hq r1 Fr 9Q DO rX ll NC bV Va zh SZ ry p4 07 1Y

Nessun articolo nel carrello

“La comunione in bocca è un’abitudine che (a causa di forza maggiore) potremmo (finalmente) abbandonare”

“La comunione in bocca è un’abitudine che (a causa di forza maggiore) potremmo (finalmente) abbandonare”

Riproduciamo qui di seguito, in una traduzione in italiano a cura di lorenzo Tommaselli, un articolo pubblicato il 01.05.2020 in Religión Digital (www.religiondigital.com).

l'articolo originale è consultabile a questo link

 

 

Il COVID-19 sta incidendo in tutti i settori della nostra vita. Anche la nostra preghiera è cambiata, almeno quella liturgica. La nostra Messa si vive, ora più che mai, nell’intimo. E forse ci stiamo rendendo conto che l’Eucaristia inizia e ruota intorno alla lavanda dei piedi, alla solidarietà e al servizio ai nostri fratelli. Non a caso le parole di Gesù nell’Ultima Cena sono state: “Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri” (Gv 13,34).

Noi credenti sappiamo bene che d’ora in poi dovremo cambiare alcune delle nostre usanze liturgiche. La cosa più curiosa è che alcune di esse, anche se le abbiamo con noi da molti secoli, non sono così “cristiane” o così sacre. La comunione in bocca, per esempio; la sua origine non deriva né dall’epoca della Chiesa dei primi cristiani o dal tempo dei Padri della Chiesa.

Al momento stiamo guardando le Messe in TV e ricevendo la comunione in modo spirituale. È già stato annunciato che, con il coronavirus nel mondo, non sarà possibile tornare all’usanza di riceverla in bocca, anche se in alcuni ambienti conservatori difendono quest’usanza a tutti i costi. Ma in realtà quando è stata introdotta la comunione in bocca nella storia della Chiesa?

Lo “spezzare il pane” era ed è il centro di ogni comunità cristiana. Lo era al tempo degli apostoli, lo è oggi. È ben noto il bellissimo testo della catechesi ai catecumeni (IV sec.), che raccomanda loro di fare “della mano sinistra un trono per la mano destra, poiché questa deve ricevere il Re” (VI catechesi mistagogica di Gerusalemme, n. 21: PG 33, col. 1125).

I cristiani ricevevano la comunione in mano fino al Medioevo, e più precisamente fino all’epoca carolingia. Ricordo come il prof. Klaus Schatz S.J., docente di storia ecclesiastica di Sankt Georgen a Francoforte, ci abbia raccontato che all’epoca dell’impero carolingio nelle abitudini della gente si era infiltrato un senso magico della religione. La comunione in bocca fu introdotta proprio per evitare questo senso magico dell’Eucaristia. Molti contadini germanici, quando ricevevano la comunione in mano, nascondevano la particola consacrata e se la portavano a casa, per darla alla loro mucca o ad un altro animale domestico malato. Per evitare queste cattive usanze, fu introdotta l’abitudine della comunione in bocca, che è rimasta con noi, in parte, fino ai giorni nostri.

Oggi non sappiamo quando potremo ricevere la comunione. È certo che sarà in mano, e inoltre in mano per tutti. Potremmo almeno approfittare di questa crisi per lasciarci alle spalle la “comunione in bocca”, una pratica che è nata in una maniera un pò arcaica. Prepariamo, tuttavia, il trono delle nostre mani per il Signore, per il Re ... E non dimentichiamoci di usare le nostre mani per servire, che è la cosa principale: “tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me” (Mt 25,40).

 

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.