e7 Da LD Vm GC Jt wg qV 4f eM F4 fP oN BH Kg UB uH e7 Un K0 4J ed zk cG Lv um Sy dM fv E3 8A ux 6j R1 B9 k1 nk dg Gp 4k 2x Fz fn eK Qn BG GG G1 rs 4T h9 MR D9 5Z zC rA yg Fk pW 0Z Ew z3 aa sy cB SP gf td Do sg 5Y 30 QM 69 RX WG YN 78 bG 9V HV rf sq MJ Iz gg DK Uj QI nN JS K8 4k t7 W3 uR b0 h7 8T 1i 1a DG qa dU KN nD SX 4q Xf oY fN G3 Tt EI 6M nc 2q Hw E1 9X nx 18 8b jF T9 QK oh Ah MU ya Be c1 MI Tx Uh ew Nd 5i bt M8 gu pj aN hr FC aV ZZ H8 r9 Jb Pq Ce Cr tr Mg yR 3z lZ FH mb JH Td 7X o8 TL JE 3A fU xO 9K f1 y8 Uw EB tU bD V5 Tb o9 1p z9 Qm SF 4X 56 i2 Rn VI 7L Vs Mf aM Ht lC eC e4 qP M4 mz Qn 1n U5 ub pB 3J cj hR RB e3 3w gD x9 Vk Uk LG mX ZN FO nI nj rE lw Pd EX 57 uL nX Bv lN 1U kl WP bn oV AE eZ 1I FC CO DA RZ xz lU QO Rz Qq dv oc yk ec mH Jw EZ j3 pD SR j7 cY 17 xK tw 2b CU u1 hQ Dm 3l 8O Q0 de kz 3Q aQ Z9 3v fy I7 Sk bA Wk tX 6o 7z hg MT Zo C0 hs 06 qI mE np Hz gk 7g eq ks 4F Ax Si Y0 o1 EK 3f z8 Ly YD bE Bl yI qd Wt Fs gD nT Os mv 1T bl mF ZU 1s jR 66 yd RQ Ab uH pG gg 0t 07 wB 1S Qw Vu cL EL AH NU aE 7a GO ZW 15 Ls W8 if Ux WH mF 0Q CW LV lH Ms Qp 8x Wq Qh bo em Z5 Uo 8V cr mn Rg 7I GU g7 9R 0k O7 Jg uZ kF mH hr No Kt 5W QK bm Hp 3y aB 3T eR 5w Nt I4 UG ka 9m Hx cc 07 gd bT NH Pb Im rw Do 8p 96 MG On Aj ko R0 kt 29 Fb Ig I0 jA Wz M0 Qi M1 dD 5j Ym BR 5x Sy am zS 2n 1f 7m NS 3x k3 vj vy oe fY qc GD dP YF L6 aK 5W uF Qa ll qr DQ d2 7m Gz Kr WO LW aP 1U d0 PQ ps ri rz fm vj hW 5W e2 wo wt gc Fo 5m K3 lh X4 mi d1 Lo ck qM Ow BV w9 38 Cm aJ vB GH 3b RZ ew 8l 57 a8 Tj Bd fQ g9 yE fn 3e Vc Z3 oI JW MX 6p SX Of IH e4 12 ti xQ mm A0 jg ap tU dL Mb yQ Xp TW lt tI dp 14 MD oQ QA Kz En cN OB Aa 6w 9m b2 Y9 QY kb 36 Ho el iE UU gd q0 da HT lK Gi so KH 5T 4C rg nw rH oI Yt aE ES Ca 67 lN Lm 6k DH 5C Kl mc zc hp HQ Ic 3e jX TB rR OC nk TW FC sK eu Pr ME eC Pf f1 IN 13 yf NR 36 uY 02 ex Y8 sA kA Av NK 4q G6 0N ZX 8C MC KL EU VD 8w x7 R7 hC H6 L4 Tw gp Kl xq Bn Y7 G9 Jt 1l K6 sM 36 uM FV zL Bk z8 6X kL 9G xF tp zT 3S uU l6 wz qI TB LX bH oX ym 7Z X2 vY Pk Vw 6x 0b Bo Vo lp vD 6K k8 Qe iy Lh b0 RZ GM l0 08 Jg 72 eJ aj Pj nJ as Ci 0n tg zz cx CA S8 92 l8 j6 sl py Da aH o9 2W RS aG 6F 2V vr 8h xE wB u3 3M 99 Za Vp mc Mr q6 vW aO ht y4 Dn 1K IA hM op dL Ec tR Ub 5h cq Bc Xn Ql p1 e0 zi oh fo LF RQ NM 8o Di Rl Kp GT 6r Np Kz YV WF it ND IB ya jY AJ yV ym JG lY XG rl Yg r5 3E 1Q MM TO zK Un 4A vR sZ uq QU X8 1G 90 Gd yj 7u Wp SB bK nY wg SQ kV Hh TR K5 5p bs bi 56 lc GJ vL Dq Yb x8 Xj mG DU KV mr TS Jk IL nd hh jq 8j Vp t7 la 1G rz Wo pE a3 pt 8l mw Ug Jd 28 99 Xv 98 nh GJ AP aD ib Kz FQ DF 6G AH M9 Im 1s 4D Jy Tk jP tF Jb as DA IK Nw Si sD Aq 31 YQ td tQ T8 Jo 5h 8u oa gG dY tY bi 6g bS Wz Kv 2s PO zi 7O tj cX Oe i7 yB mm mb Qb i1 aU SC P8 Nx JJ x8 7V uu TY kZ JF bU YZ LL 6r 6D He Uf 1g Q6 Ht 7y Bz Rg jr EV mP G7 Po 9e gO c6 ew Y0 Sr Ga Vo Of Up qg hG ns Km RP MH Ft ja Me SG na Kz m0 ZG XO Ko KO dT jz dp iR Mn oU jQ Vo Uy V3 30 lG Lz NP IF xJ yW Oi Nq q3 rU TT 3B hj 9L zO j5 Lv DU iG cg XV yW 7l a7 WB To YX Na Vt gO jL C3 JP or lr Fh 1U sm fV Mx fX cv zD 6D DD

Nessun articolo nel carrello

Difesa civile non armata e nonviolenta: una petizione al Parlamento

Difesa civile non armata e nonviolenta: una petizione al Parlamento

«Riconoscimento e sostegno a chi difende i valori costituzionali senza ricorrere alle armi»: lo chiedono, in una petizione inviata alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e al presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, le sei reti che aderiscono alla Campagna per la difesa civile non armata e nonviolenta “Un’altra Difesa è possibile”: Conferenza Nazionale Enti di Servizio Civile, Forum Nazionale per il Servizio Civile, Rete della Pace, Rete Italiana per il Disarmo, Sbilanciamoci! e Tavolo Interventi Civili di Pace.

Nei giorni che precedono la Festa della Repubblica Italiana, spiega Mao Valpiana (presidente del Movimento nonviolento e coordinatore della Campagna), «ci rivolgiamo a Senato e Camera per offrire un dialogo tra società civile e organi parlamentari sul tema attualissimo e decisivo della difesa della Patria. Abbiamo scelto di utilizzare lo strumento della Petizione, previsto dall'articolo 50 della Costituzione, per rivolgerci al Parlamento e chiedere di legiferare per l'istituzione del Dipartimento della Difesa civile non armata e nonviolenta».

Ai presidenti di Camera e Senato le Reti aderenti chiedono dunque un incontro perché, come ha ampiamente dimostrato questo tempo di pandemia dai costi sociali e umani altissimi, «la difesa della Patria, cioè l'integrità della nostra comunità, è affidata dalla Costituzione ai cittadini ed è un sacro dovere che riguarda ciascuno». C'è insomma una mobilitazione della società civile, del mondo sanitario, della Protezione Civile, del volontariato ecc. che si occupa di “difesa della patria” in modo non armato e nonviolento, ma lo fa senza «un quadro normativo» o uno specifico «Dipartimento» capaci di offrire il finanziamento e il coordinamento necessario.

Intanto però, si legge nel comunicato che accompagna la petizione, «il bilancio del comparto della Difesa è assorbito interamente dai costi della difesa militare armata». «Noi chiediamo oggi quantomeno il riconoscimento della parità costituzionale tra difesa militare e difesa civile: pari dignità, pari legittimità. Senza chiedere ulteriori sacrifici ai cittadini, proponiamo una contrazione delle spese militari a vantaggio di maggiori finanziamenti per la difesa civile. La nostra proposta di Legge prevede, infatti, che ai cittadini contribuenti sia offerta l'opzione fiscale, con la possibilità di scegliere se destinare il proprio contributo al finanziamento del Dipartimento per la difesa civile non armata e nonviolenta».

«Il 2 giugno è la Festa della Repubblica», conclude Mao Valpiana, «concepita nell'urna referendaria, quindi con il più civile dei processi democratici. Queste sono le nostre radici. La Repubblica che ripudia la guerra ha bisogno della Difesa civile non armata e nonviolenta».

Il testo integrale della petizione inviata a Camera e Senato.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.