Nessun articolo nel carrello

Yemen: le vittime dei bombardamenti chiedono verità, giustizia e riparazione

Yemen: le vittime dei bombardamenti chiedono verità, giustizia e riparazione

In un webinar di oggi, trasmesso sulla piattaforma Zoom, Rete Italiana Pace e Disarmo, Centro Europeo per i Diritti Costituzionali e Umani (ECCHR) e Mwatana for Human Rights (ong yemenita) hanno ribadito le responsabilità del governo italiano e dei produttori di armi per i crimini commessi nella guerra in Yemen, legate alla vendita di armamenti alla coalizione guidata da Arabia Saudita ed Emirati Arabi, protagonista dei bombardamenti che nel Paese non hanno risparmiato popolazione e infrastrutture civili.

Emblematico il caso del bombardamento al villaggio di Deir al-Hajari, l’8 ottobre 2016, nel corso del quale 6 membri di una stessa famiglia sono rimasti uccisi. Le indagini condotte in seguito all’attacco dall’ong Mwatana hanno rivelato che l’ordigno ganciato sul villaggio era di produzione italiana. La vicenda del villaggio è stata poi raccontata all’inizio del 2020 dal docu-film "Prodotto in Italia, bombardato in Yemen", disponibile da oggi sul canale YouTube della Rete Italiana Pace e Disarmo, attraverso le video-interviste dei parenti delle vittime di quell’attacco, i quali chiedono verità, giustizia e riparazione.

Dalle relazioni al webinar, si legge in u ncomunicato della Rete, è emerso chiaramente che «tutte le parti coinvolte nel non rispetto del diritto umanitario internazionale e nelle violazioni dei diritti umani che si verificano nello Yemen potrebbero essere chiamate a rispondere legalmente del loro operato». La pesante accusa è quella di crimini di guerra. «La richiesta – dice la Rete – è che vengano condotte indagini serie sul ruolo di tutte le parti in conflitto nello Yemen e di tutti gli attori che contribuiscono ai crimini commessi contro i civili».

«Il flusso di armi di fabbricazione italiana che raggiunge la coalizione guidata dall'Arabia Saudita coinvolta nel conflitto in Yemen – afferma il coordinatore delle Campagne della Rete Pace e Disarmo, Francesco Vignarca – è in netto contrasto con i principi e le regole sia del diritto italiano che delle norme internazionali firmate dall'Italia ed è quindi necessario fermarlo. Insieme ai nostri partner internazionali abbiamo avviato un'azione legale in tal senso. e allo stesso tempo chiediamo al Governo e al Parlamento di prendere una decisione politica immediata, estendendo la sospensione delle spedizioni di missili e di bombe aeree che è stata concordata nel luglio 2019 e che scadrà all'inizio del 2021».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.