Nessun articolo nel carrello

2021: un'Italia tutta da ripensare. Il punto del gesuita Occhetta su

2021: un'Italia tutta da ripensare. Il punto del gesuita Occhetta su "Vita Pastorale"

Il 2021 di Vita Pastorale (periodico del Gruppo Editoriale San Paolo diretto da don Antonio Sciortino) si apre con una nota politica del gesuita e scrittore Francesco Occhetta, dal titolo “Oltre l’incertezza e la paura sociale”. Nel 2020, la pandemia ha introdotto nuovi elementi di crisi ma per lo più ha fatto esplodere debolezze strutturali antiche del Paese. In tal senso «il virus ha aggredito una società che era in debito di ossigeno e ripiegata nel proprio individualismo», scrive Occhetta. Come ricorda il Censis, in particolare, si parla della crescita della disuguaglianza sociale ed economica, con l’accumulo delle ricchezze in poche élites, la crescita esponenziale dei poveri e lo scivolamento del ceto medio verso la povertà.

È questo il tempo dei bonus, rileva il gesuita leggendo l’ultimo rapporto Censis, ma non è il tempo della prospettiva a lungo termine. E intanto il debito cresce. «Il Rapporto scatta molte istantanee per archiviare il 2020, ma tutte sono caratterizzate dal vivere il tempo come un carpe diem, senza investire nel futuro». Il distanziamento sociale invocato dalle misure anti-contagio rischia di diventare “allontanamento sociale”, l’isolamento si trasforma in smarrimento e rabbia, la difesa della libertà cede il passo al bisogno di sicurezza, l’attesa di tempi migliori paralizza creatività e voglia di rischiare. Informazione e social network, poi, non aiutano, raccontando il presente come un terreno di guerra senza via d’uscita.

«Se ci si vuole salvare insieme – invita Occhetta – occorre ascoltare la realtà per trasformare il dolore in speranza. Oltre la solitudine esiste la comunità». Per il futuro, invece, «occorrerà ripensare il modello di sviluppo che ha mandato in crisi quello classico. Non sono i consumi da rilanciare, ma è la qualità della vita personale e sociale da ripensare». A partire dalla lotta all’evasione, da un fisco più equo, da «un sistema industriale più moderno» e da «una nuova politica dei territori». Grazie al digitale e in particolare allo smart working, “scoperto” in piena pandemia, «il locale sta rimodellando il suo volto, i giovani del Sud ritornano nei loro luoghi d’origine dopo aver studiato lontano. Per molti di loro basta rimanere connessi alla rete per lavorare. In questo inaspettato scenario, la rete delle parrocchie potrà aiutare la ricomposizione del tessuto sociale».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.