Nessun articolo nel carrello

Vaccini: ecco perché «i Paesi ricchi non possono vincere da soli»

Vaccini: ecco perché «i Paesi ricchi non possono vincere da soli»

Solo pochi giorni fa, Oxfam ed Emergency avevano lanciato l’allarme sui vaccini, affermando che «i monopoli delle aziende sui brevetti e la mancata condivisione della tecnologia sono la vera causa dell’attuale insufficienza di dosi», in particolare per tutti quei Paesi a medio e basso reddito i quali, al momento, possono vaccinare «solo il 3% della popolazione entro metà anno e il 20% entro la fine del 2021». E questa discriminazione a livello globale graverà anche ai Paesi più ricchi che oggi si dimostrano più “cinici”.

Con un comunicato stampa di oggi, i due organismi umanitari rilanciano un «appello urgente a Governi e Big Pharma per una condivisione di tecnologie e brevetti, in vista della riunione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio in programma ad aprile», perché se non si avvierà in tutto il mondo una campagna di vaccinazioni di massa, tutti gli sforzi compiuti fino ad ora potrebbero rivelarsi vani. Un’indagine realizzata dalla rete di organizzazioni “People’s Veccine Alliance” (PVA) su 77 epidemiologi provenienti da 28 Paesi del mondo rivela che «abbiamo al massimo un anno per non vanificare l’efficacia dei vaccini di prima generazione fin qui sviluppati e contenere le mutazioni del virus».

«Fino a quando soltanto una parte della popolazione mondiale avrà accesso ai vaccini», spiega Antonino Di Caro, virologo dell’Istituto Nazionale di Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, «il virus avrà la possibilità di circolare, di replicarsi velocemente e quindi di mutare. I dati di cui disponiamo oggi ci suggeriscono che non abbiamo molto tempo, probabilmente tra 9 mesi e un anno, prima che si sviluppino e diffondano mutazioni del virus che riducano l’efficacia dei vaccini attualmente disponibili. Questa è una guerra che i Paesi ricchi non possono vincere da soli».

l’indagine rivela dunque che la campagna vaccinale deve essere repentina e senza confini, e che l’attuale disuguaglianza nell’accesso alle dosi regala troppo tempo al virus, consentendogli di mutare e di sviluppare varianti resistenti agli stessi sieri, costringendo il mondo scientifico ad impegnarsi nella realizzazione di vaccini di seconda generazione, anch’essi probabilmente non condivisi dall’arroccata industria farmaceutica. «Una manciata di colossi farmaceutici – denunciano nel comunicato Sara Albiani (responsabile Salute globale di Oxfam Italia) e Rossella Miccio (presidente di Emergency) – decidono chi debba vivere o morire». «Rendere accessibili i vaccini anche nei paesi poveri significa oggi più che mai proteggerci tutti».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.