Nessun articolo nel carrello

Africa: la successione al potere nelle democrazie dimezzate

Africa: la successione al potere nelle democrazie dimezzate

Poche rapide pennellate della rivista Africa che il 26 aprile raccontano la fragilità delle democrazie nel continente nero. Un “viaggio” attraverso Stati che si definiscono repubbliche, ma che sono «anche un po’ monarchie». Da tempo ormai, spiega il periodico missionario dei padri bianchi, in Africa «sta prendendo piede l’uso dei figli che subentrano ai padri presidenti. Un’alternanza che non sempre rispetta i dettami delle Costituzioni, ma risponde più al mantenimento di delicati equilibri politici e, a volte, etnici».

Ad «inaugurare “la moda”», spiega l’autore dell’articolo Tesfaie Gebremariam, è stato Jospeh Kabila in Repubblica Democratica del Congo, successo a 29 anni al padre Laurent-Desirée, destituito ed ucciso con un colpo di stato nel 2001 forse guidato proprio dallo stesso figlio.

Ultimo caso, poi, in ordine cronologico, quello di Mahamat Idriss Déby, figlio del defunto presidente del Ciad Idriss Deby, «Già militare di carriera a capo della guardia presidenziale con esperienza di guerra in Mali, dove ha svolto l’incarico di secondo in comando delle forze speciali impegnate nel conflitto in Azawad, Mahamat è stato posto a capo del Consiglio militare di transizione “al fine di assicurare la difesa del Paese in situazione di guerra contro il terrorismo e le forze del male, e garantire la continuità dello Stato”», spiega Africa. «Una formula che racchiude in sé una violazione della Carta fondamentale che prevede che sia il presidente del Parlamento a dover subentrare al capo dello Stato defunto e non il figlio. Solo nei prossimi mesi si capirà il perché di questa sostituzione».

E poi, ancora, Faure Gnassingbé in Togo, subentrato al padre Gnassingbé Eyadéma nel 2005, scavalcando e destituendo il legittimo presidente ad interim con l’appoggio dell’esercito. l’articolo parla di «dinastia repubblicana» anche nel caso dei Bongo in Gabon. E cita infine il caso della Guinea Equatoriale, dove Teodorin Nguema Obiang Mangue si prepara a sostituire il padre Teodoro, presidente dal «pugno di ferro» dal 1979.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.