Nessun articolo nel carrello

La pandemia e la crisi del turismo in Africa

La pandemia e la crisi del turismo in Africa

Parchi nazionali, isole e spiagge incantate, deserti affascinanti, viaggi avventura: in Africa, come in Italia e altrove, si è fermato tutto per la crisi sanitaria globale ancora in atto, e più di 30 milioni di lavoratori del settore «sono rimasti a casa per il crollo del turismo». Di questo aspetto della pandemia nel continente nero parla la rivista missionaria Africa dei padri bianchi, in un editoriale di Marco Trovato del primo maggio, giorno in cui in tutto il mondo si celebra la Festa dei lavoratori. Il dramma dei lavoratori africani è esacerbato dalla nota debolezza delle economie e delle istituzioni del continente, che peraltro si ripercuote anche su una campagna vaccinale che procede a rilento e a macchia di leopardo: «Centinaia di attività sono in ginocchio, alcune sono già fallite, altre salteranno nei prossimi mesi. E se in Occidente i governi hanno fornito aiuti e ristori (comunque largamente insufficienti a colmare i mancati guadagni e a far fronte alle spese), in Africa i dipendenti degli alberghi, le guide, i camerieri e gli autisti si trovano da oltre un anno senza stipendio e senza alcun ammortizzatore sociale».

Con un volume d’affari di circa 200 miliardi di dollari (ben il 9% del Pil totale), il turismo nell’Africa pre-Covid si dimostrava in piena espansione, soprattutto per quei Paesi più votati al turismo, come il Kenya, la Tanzania, il Marocco o il Sudafrica, che sono stati anche i primi a subire le conseguenze della pandemia. E così, spiega Trovato, «alcune economie nazionali che galleggiavano letteralmente grazie ai visitatori stranieri ora rischiano di affondare se non si tornerà a viaggiare».

In un contesto frammentario, con regole diverse e che cambiano in continuazione, organizzare viaggi in Africa è praticamente impossibile: «L’incertezza è il peggiore dei nemici per il settore del turismo», scrive l’autore, e «non a caso il business delle assicurazioni di viaggio sarà il primo a riprendersi».

«Malgrado il suo impatto talvolta problematico – spiega Trovato nell’approfondito editoriale – il turismo è il settore che in rapporto alle dimensioni genera più posti di lavoro, distribuisce maggior reddito alla popolazione, e (là dove viene bene amministrato) favorisce la cura del territorio e del patrimonio culturale».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.