Nessun articolo nel carrello

Sir, vaccini in Africa: poche dosi e tanta ignoranza. La denuncia di tre missionari

Sir, vaccini in Africa: poche dosi e tanta ignoranza. La denuncia di tre missionari

Non solo l’inerzia dei potenti della Terra e gli interessi delle Big Pharma impediscono ai Paesi a basso reddito di ottenere (o di produrre) sufficienti dosi di vaccino: a complicare il quadro di una scarsa vaccinazione nei sud del mondo ci si mettono anche ignoranza, cattiva informazione, teorie del complotto e antiche credenze. «Mentre in Occidente si discute di eventuali terze dosi di vaccino anti-Covid (e ci si permette il lusso di avere movimenti no-vax) – si legge in un articolo di Ilaria de Bonis (redattrice di Popoli e Missione) pubblicato ieri dal Sir – le 50 nazioni più povere al mondo, tra cui in prima fila Repubblica Democratica del Congo, Haiti, Ciad e Zambia, continuano a ricevere col contagocce la prima e la seconda dose. Ma c’è anche un altro fenomeno che sta rallentando la somministrazione dei vaccini: è la paura della gente, restìa a farsi vaccinare per via di diverse “teorie del complotto”».

E mentre si auspica una modifica migliorativa del meccanismo Covax per portare più dosi nei Paesi poveri, la battaglia “culturale” nelle comunicatà locali è affidata principalmente ai religiosi, spiegano una missionaria e due missionari ad Haiti, Congo e Zambia, raggiunti telefonicamente dal Sir. Si tratta di Maddalena Boschetti (fidei donum laica della diocesi di Genova, da 18 anni ad Haiti), p. Gaspare Trasparano (padre comboniano in Nord Kivu) e p. Antonio Guarino (comboniano in Zambia).

Boschetti sottolinea che «alla gran parte della gente di Haiti il vaccino interessa pochissimo… Hanno scarsa fiducia nei medici». E poi, nel Paese, il Covid-19 rappresenta «solo una delle cause di morte e non la peggiore». «Noi missionari – spiega la missionaria laica – cerchiamo di ristabilire un’oggettività che vada oltre le dicerie e le credenze popolari. Ad esempio io cerco di invogliare le persone a ricevere il vaccino, ma prevale lo scetticismo. Non ci si vuole far iniettare sostanze».

Mentre in Africa subsahariana si parla di variante sudafricana e di quarta ondata, il vaccino continua a non interessare alla gente, spiega anche p. Guarino. In Congo e Zambia, aggiunge anche p. Trasparano, serpeggiano diffusamente teorie del complotto, per il coronavirus come anche per l’ebola: «La gente non si fida e in ogni caso le quantità di vaccino anti-Covid sono scarse: siamo ancora fermi alla prima dose».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.