Nessun articolo nel carrello

Mancano pochi giorni... l'Osservatorio sulla Transizione Ecologica rilancia la petizione contro nucleare e gas

Mancano pochi giorni... l'Osservatorio sulla Transizione Ecologica rilancia la petizione contro nucleare e gas

L’Osservatorio sulla Transizione Ecologica, promosso da Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, Laudato Si’ e Nostra, rilancia con una nota odierna la petizione “Il nucleare non sia incluso nelle energie rinnovabili”, che invita il governo Draghi a opporsi in sede europea alla proposta della Commissione di inserire anche il nucleare civile e il gas nella tassonomia europea delle energie cosiddette “verdi”. Un’iniziativa avviata dalla Francia e da un gruppo di altri Paesi membri pro-nucleare che vorrebbero allungare le mani sui fondi di Next Generation Eu per coprire i grandi costi di queste fonti di energia, «pericolose e inquinanti».

Restano pochi giorni per bloccare queste manovre, avverte la nota, che rappresentano «un cedimento alle pressioni della lobby nuclearista, che ha nella Francia il capofila che ha bisogno di una quantità spropositata di miliardi di euro (si parla di 400) per mettere in sicurezza le vecchie centrali e per costruirne di nuove, nonché per completare i costosissimi depositi per le scorie radioattive»

In Italia poi, aggiunge l’Osservatorio, «il nucleare è già stato bocciato da ben due referendum popolari in Italia (1987 e 2011)». Anche la società civile europea – tedesca in particolare – è convinta che l’Unione, invece di pensare al nucleare civile e al gas fossile, dovrebbe «sviluppare fonti di energie veramente rinnovabili come eolico, fotovoltaico, geotermico, idraulico». E chiede dunque di «escludere il nucleare e il gas dal novero delle energie rinnovabili».

Non esiste un nucleare pulito e sicuro, ribadisce l’Osservatorio sulla Transizione Ecologica. Al di là dei costi proibitivi, «ci sono problemi irrisolti nella sicurezza degli impianti», per le persone e per l’ambiente, come dimostrano i recenti incidenti in Francia; e, poi, «lo smaltimento delle scorie è problema non risolto». «Il nucleare cosiddetto di nuova generazione è solo propaganda, le innovazioni negli impianti non cambiano la sostanza del nucleare a fissione. Per questo la Germania ha chiuso in questi giorni 3 centrali ed entro la fine del 2022 chiuderà le restanti».

Critica non meno feroce alla possibilità di implementare il gas fossile: «La risposta alla speculazione sui prezzi, ormai alle stelle, deve essere fatta puntando su rinnovabili, rinnovabili, rinnovabili. Invece malgrado gli impegni presi al G20 e nella Cop26, già insufficienti, la lobby del gas fossile cerca di ottenere la proroga delle scadenze decise». Con tanti saluti all’impegno a mantenere il riscaldamento entro il grado e mezzo.

La lettera aperta al governo di metà ottobre, lanciata dall’Osservatorio, ha già raggiunto quasi 110mila firme. Ne servono 150mila: «Il governo italiano e quello tedesco possono ancora bloccare l’inserimento del nucleare e del gas fossile tra le energie rinnovabili», affermano in chiusura i firmatari della nota Mario Agostinelli, Alfiero Grandi e Jacopo Ricci.

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.