Nessun articolo nel carrello

Congresso mondiale delle famiglie: lo strabismo del governo giallo-verde (aggiornato)

Congresso mondiale delle famiglie: lo strabismo del governo giallo-verde (aggiornato)

ROMA-ADISTA. «Che il Governo abbia deciso di togliere il patrocinio al Congresso mondiale delle famiglie è una grande vittoria per le oltre 55 mila persone che hanno già firmato la nostra petizione. Però andiamo avanti e chiediamo che nessuna istituzione sostenga un convegno che alimenta odio e discriminazione». Lo ha dichiarato Francesca Chiavacci, presidente dell’Arci nazionale in un comunicato stampa emesso nel pomeriggio del 12 marzo. La petizione cui fa riferimento Chiavacci – promossa dall'Arci, insieme ad altre associazioni tra le quali Arcigay, Agedo, Certi diritti, Mario Mieli, Famiglie arcobaleno l’organizzazione mondiale per l’uguaglianza ‘All out’ – chiede a tutte le istituzioni di ritirare il sostegno al Congresso internazionale delle Famiglie (Wcf) previsto a Verona dal 29 al 31 marzo.

«Qual è l’interesse pubblico – si chiedeva Chiavacci – che motiva il sostegno di Ministeri, del Comune e della Regione Veneto al Congresso delle famiglie a Verona? Un incontro che riunisce antiabortisti, omofobi e altri che vorrebbero relegare le donne in ruoli sociali superati da decenni, inoltre è stato invitato anche chi teorizza la cura per i gay. È un evento che non deve essere promosso da istituzioni che sono rappresentative di tutti».

Sì, perché nella locandina e nel sito web del Congresso comparivano i patrocini della Presidenza del Consiglio-Ministero per la famiglia (un unico logo), della Regione Veneto e del Comune di Verona. Quest'ultimo dei tre è l'unico ancora visibile. Non sono invece più rintracciabili né quello della Regione Veneto, né quello della Presidenza del Consiglio, che l'ha ritirato. Pare non ne sapesse proprio niente, l'ufficio di Presidenza, “nessuno ci ha chiesto il patrocinio”, ha fatto sapere, aggiungendo poi in una nota: «Si tratta di una iniziativa autonoma del Ministro della Famiglia Fontana».

Un altro episodio di strabismo governativo, perché se il vicepremier “stellato” Luigi Di Maio attacca il Congresso dicendo: «A Verona è una destra degli sfigati, se trattano così le donne...», l'altro vicepremier, il leghista Matteo Salvini, invece addirittura ci va, partecipa, come il ministro Lorenzo Fontana. Salvini è d'altronde in totale sintonia non solo con lo “spirito” del Wcf e con il “suo” ministro, ma anche con gli altri (tanti) partecipanti. La deputata dem Giuditta Pini, che aveva presentato un'interrogazione parlamentare sul patrocinio del governo (perché, ha detto, «un regolamento di Palazzo Chigi vieta espressamente il patrocinio di eventi a pagamento proprio come quello di Verona») li ha definiti «estremisti religiosi, anti-abortisti, anti-divorzisti, anti-femministi ed attivisti contro i diritti delle persone omosessuali».

All Out Action Fund ha creato una pagina web con un florilegio di affermazioni dei relatori al Wcf. Ne riportiamo solo qualcuna (per altre rimandiamo all'arciolo di Federico Tulli su Adista Segni Nuovi n. 8/19):

Željka Markic, croata fondatrice e presidente di "Per conto della famiglia" (U ime obitelji): «Preferirei dare mio figlio all'orfanotrofio, piuttosto che in adozione a una coppia dello stesso sesso»;

Igor Dodon, presidente Moldavo: «Non ho mai promesso di essere il presidente degli omosessuali, avrebbero dovuto eleggere il loro presidente»;

Silvana De Mari, medico e scrittrice: «L’atto sessuale tra due persone dello stesso sesso è una forma di violenza fisica usata anche come pratica di iniziazione al satanismo»;

Alfredo Mantovano, avvocato, vicepresidente Centro Studi Rosario Livatino: «Il costo umano della 194 corrisponde a non meno di 6 milioni di esseri umani soppressi ‘legalmente’ prima di nascere negli ultimi 40 anni. [...] il contributo più pesante al depauperamento demografico dell’Italia è venuto proprio dalla legislazione abortista, affiancata dall’assenza di serie politiche pro life». 

Arciprete Dmitri Smirnov, presidente della commissione patriarcale per la famiglia e la maternità e membro del Consiglio supremo della Chiesa ortodossa russa: «"Ci siamo separati da loro (con riferimento agli omosessuali) come dalla peste, perché è contagiosa».

A proposito di Dmitri Smirnov, segnaliamo il comunicato stampa del Congresso Mondiale delle Famiglie, datato 28 marzo, titolato: "Il caso Smirnov è stato montato ad arte". Dove, tra l'altro, si ricorda quel duro accostamento fra aborto e sicari per bocca di papa Francesco. Di seguito il testo.

«Il Congresso Mondiale delle Famiglie, tramite il presidente Toni Brandi, fa sapere che l'arciprete Dmitrij Smirnov è stato invitato all'evento di Verona in ragione del suo incarico di Presidente della Commissione patriarcale per la Famiglia e la Maternità della Chiesa Ortodossa russa e membro del Consiglio Supremo della stessa Chiesa. In questa veste è stato più volte invitato a incontri istituzionali anche in Vaticano. 

Dopo le costanti fake news pubblicate dai mass media sul suo conto, l'arciprete Smirnov ha inviato il seguente chiarimento: "Si sono prese delle parti dei miei sermoni estrapolate dal contesto e deformate. Ad esempio la frase sui cannibali e l'aborto. Io desidero che le donne siano felici e vorrei risparmiargli un dramma come questo. Combatto l'aborto anche con tenacia. Posso dire che nella mia Parrocchia non viene praticato e ci sono molte famiglie numerose, ad esempio per questa Pasqua attendiamo il decimo figlio di una famiglia. Uno dei miei scopi come sacerdote e' insegnare alle persone che uccidere è sbagliato. Queste sono posizioni condivise da milioni di cristiani, musulmani ed ebrei nel mondo. In passato ho partecipato a riunioni insieme a papa Francesco e posso dire che abbiamo la stessa opinione sull'aborto". 

Infatti ricordiamo che anche Papa Francesco recentemente ha utilizzato una immagine forte, quella del sicario, per descrivere la pratica abortiva».

  

 

*Foto di Bilerico Project, tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza. Manifestazione anti-gay a San Francisco

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.