Nessun articolo nel carrello

Parroco anti-migranti , il vescovo di Sora lo sconfessa

Parroco anti-migranti , il vescovo di Sora lo sconfessa

"Scelte personali discutibili, ribadiamo il nostro impegno, insieme alla Caritas, per l'accoglienza dei migranti". Il vescovo di Sora, monsignor Gerardo Antonazzo, sconfessa il suo parroco don Donato Piacentini che, in occasione dei festeggiamenti di San Rocco, aveva pronunciato una omelia anti-migranti che aveva suscitato grande scalpore. Tra le atre cose, aveva detto: "Ma quali persecuzioni, quelli arrivano con catenine d'oro e cellulari"; "Vengono qui con telefonini e catenine d'oro". Qualcuno aveva applaudito, altri fischiato, altri si erano allontanati sconcertati.

Poche ore dopo, la diocesi, con una nota ufficiale, ha preso le distanze dal parroco: "La testimonianza di San Rocco incoraggia ancor più l'operato della nostra Chiesa, soprattutto attraverso la Caritas, sempre impegnata nell'accoglienza e nel servizio amorevole delle antiche e nuove forme di povertà - si sottolinea nella nota - tale accoglienza è stata rivolta in particolare agli immigrati giunti sul nostro territorio, in perfetta collaborazione con la Prefettura di Frosinone, con le Istituzioni civili locali, con le Associazioni di volontariato impegnate nel processo di integrazione. Questa è la scelta pastorale che non potrà cambiare perché il cristiano obbedisce al Vangelo della Carità nei confronti di chiunque, senza distinzioni né esclusioni". 

Nella ricorrenza della festa di s. Rocco il vescovo mons.  Antonazzo ha anche celebrato l’eucarestia in piazza s. Rocco, a Sora, davanti ad una gremita assemblea di fedeli. "Nell’omelia - si legge sempre nella nota diffusa dalla Diocesai - il pastore della Diocesi, attingendo alla ricchezza dei testi della Parola di Dio proclamata durante la liturgia, ha sottolineato come uno dei cardini fondamentali della vita di San Rocco è stata la scelta evangelica del “prima gli altri” per amore di Cristo povero e sofferente, presente negli appestati, contagiati, ammalati e moribondi che san Rocco ha abbracciato, servito, amato più di se stesso".

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.