Nessun articolo nel carrello

Le Chiese Evangeliche lanciano una sottoscrizione: perché Beirut abbia un futuro

Le Chiese Evangeliche lanciano una sottoscrizione: perché Beirut abbia un futuro

Di seguito il comunicato stampa con il quale la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI) lancia una sottoscrizione per aiutare Beirut e suoi abitanti ad affrontare il tragico presente e a ricostruire un futuro.

 

Roma (NEVCS/22), 7 agosto 2020 – Dopo la devastante esplosione che ha colpito la capitale libanese lo scorso 4 agosto, la Federazione delle chiese evangeliche in Italia ha deciso di aprire una sottoscrizione per Beirut.

“L’esplosione che ha colpito il porto di Beirut ha suscitato un’impressione enorme in tutti noi – dichiarano gli operatori di Mediterranean Hope, programma migranti e rifugiati della FCEI, dal Libano, dove sono impegnati per organizzare la ripartenza dei corridoi umanitari – . Il fungo di polvere, fumo, fuoco e fango, la devastazione delle abitazioni circostanti, gli incendi, le vittime, le richieste di aiuto provenienti dalle persone rimaste sepolte sotto le macerie, ci hanno scosso violentemente.

Come non bastasse questa catastrofe si è sovrapposta a un’altra già in atto, anche se di altra natura, cioè la profonda crisi economico-sociale in cui versa da tempo lo stato libanese. Il Libano è, infatti, in default tecnico con il conseguente corredo di crollo del cambio sul dollaro e l'impoverimento generale della popolazione, di cui ormai il 50% vive sotto la soglia di povertà”.

I fondi raccolti saranno devoluti per:

  • interventi sanitari (ricoveri ospedalieri, interventi chirurgici-ortopedici, farmaci) da effettuare tramite il progetto Medical Hope in collaborazione anche con ospedali e Ong presenti sul territorio;

  • assicurare un supporto economico a favore di famiglie in forte difficoltà;

  • a sostegno di gruppi locali che assicurano distribuzione di pasti nei quartieri poveri;

  • a supporto di strutture ospedaliere danneggiate per la sostituzione di apparecchiature medicali.

I doni saranno raccolti sia sul conto FCEI tramite bonifico con la seguente causale “Sottoscrizione Beirut”, sia tramite Paypal con carta di credito.

Qui di seguito i dati:

BONIFICO BANCARIO

Intestatario conto: Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia – Via Firenze 38, 00184 Roma

Banca Unicredit – Via Vittorio Emanuele Orlando, 70, 00185 Roma

IBAN : IT 26 X 02008 05203 000104203419

o via PayPal FCEI-Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia

--------------------------------- 

cell. 366 6292992, nev@fcei.it

Twitter: @nev_it – Facebook:AgenziaNEV – www.nev.it

*L'esplosione a Beirut.Foto tratta da amicuba.altervista.org/blog immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.