Nessun articolo nel carrello

Pandemia, esperienza di vuoto e di solitudine. E speranza di cambiamento

Pandemia, esperienza di vuoto e di solitudine. E speranza di cambiamento

Il primo numero dell’anno di Mondo e Missione – mensile dei missionari del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) – si apre con l’editoriale del direttore Mario Ghezzi su pandemia e rilancio nell’anno che si è appena aperto.

Il 2020, attraversato e segnato dalla crisi sanitaria, «ha messo alla prova il mondo intero, senza risparmiare nessuno». Lavoro, economia, organizzazione delle giornate e delle attività, relazioni sociali, stili di vita e di consumo: tutto è cambiato.

Il 2021, invece, spiega Ghezzi, si apre con la promessa di cambiamento portata dal vaccino. «Poco per volta tutto si rimetterà in moto e il mondo tornerà a correre». Se da un lato tutti speriamo di poter presto tornare presto alle attività di prima, ad abbracciarci e popolare strade, uffici, scuole e ristoranti, d’altro canto non si può ripartire come se nulla fosse accaduto. «Qualcosa è stato spezzato, abbiamo subìto una rottura pesante che va guardata in faccia, riconosciuta e presa in mano per ripartire ricostruendo». La pandemia ha introdotto nella vita di molti un grande vuoto. A partire da questa esperienza di vuoto «non possiamo semplicemente sperare di tornare a fare ed essere quello che facevamo o eravamo prima, dobbiamo diventare qualcosa di nuovo, di diverso, di più umano e cristiano di quanto non fossimo prima, perché il lockdown ci ha messo di fronte alle necessità più pressanti che abbiamo, che si possono riassumere in un gesto semplice: l’abbraccio. Allora, man mano che il vaccino ce lo permetterà, ricominciamo da un abbraccio, magari fatto a un anziano solo, perché proprio gli anziani sono la categoria che ha sofferto di più, sono quelli che hanno avuto più paura di fronte al contagio. Ognuno di noi è continuamente custodito e tenuto dentro l’abbraccio del Signore Risorto, ma questo abbraccio, certo e indiscutibile, ha bisogno di due braccia di carne perché diventi esperienza sensibile, fatta di carne, appunto. Ripartiamo dunque da un abbraccio, segno di quello di Dio a ognuno di noi, che colmi il vuoto che ha lasciato la distanza forzata dei mesi trascorsi. Buon anno a tutti».

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.