Nessun articolo nel carrello

Card. Marx:

Card. Marx: "Se non potessi più servire la Chiesa, rassegnerei di nuovo le dimissioni"

MONACO-ADISTA. Il card. Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga, che il 4 giugno scorso ha rassegnato le dimissioni, poi rifiutate da papa Francesco (v. Adista n. 23/21), ha fatto intendere, in un messaggio letto in tutte le chiese dell'arcidiocesi nel fine settimana e pubblicato sul sito dell'arcidiocesi, che potrebbe verificarsi la possibilità di una seconda richiesta di essere liberato dal papa dal suo incarico episcopale. Pur ribadendo il «nuovo sì al mio servizio come arcivescovo di Monaco e Frisinga», Marx ha infatti sottolineato allo stesso tempo: «Considero il mio servizio di vescovo non come un ufficio che mi appartiene e che devo difendere, ma come un mandato per le persone in questa arcidiocesi e come servizio all'unità della Chiesa»; «Se non potessi più svolgere questo servizio, allora sarebbe tempo - sentiti i comitati diocesani e anche la commissione di elaborazione e il consiglio consultivo per le vittime - di decidere per il bene della Chiesa e di presentare nuovamente le mie dimissioni». Come a dire: non si tratterebbe, in quel caso, di un'iniziativa individuale, ma una di una decisione presa all'interno di un processo consultivo.

Parlando dello scandalo degli abusi, «ciò che rimane decisivo per me - ha detto - è la consapevolezza che tante persone nella Chiesa hanno vissuto dolore e sofferenza e stanno ancora soffrendo»; «è essenziale e allo stesso tempo una sfida che ci sia permesso ascoltare le vittime e le persone colpite e imparare da loro»; solo di recente si è cominciato a capire «fino a che punto gli abusi e le violenze sessuali hanno conseguenze anche sulla vita delle persone indirettamente colpite, ad esempio nelle famiglie o nelle nostre comunità e parrocchie».

Nel frattempo, è atteso per il prossimo ottobre il rapporto da lui commissionato dallo studio legale di Monaco di Baviera Westpfahl Spilker Wastl (WSW) in merito alla condotta dell'arcidiocesi nei casi di abusi sessuali perpetrati dal clero.

 

* Foto di Degreezero tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.