Nessun articolo nel carrello

ForumDD: quel Paese vivace e propositivo che il centro-sinistra non ha saputo intercettare

ForumDD: quel Paese vivace e propositivo che il centro-sinistra non ha saputo intercettare

La coalizione di centro-destra torna ai livelli di consenso del 1994, ma questa volta trascinata da un partito, Fratelli d’Italia, espressamente di destra, rafforzato dagli effetti nefasti della legge elettorale e contrastato da un’opposizione annichilita dall’esito elettorale, «divisa e lacerata» da conflitti che ancora bruciano.

Il risultato del 25 settembre «è una sveglia per tutti», commenta una nota di ieri del Forum Disuguaglianze e Diversità: «Un passo verso quella convergenza fra uno scenario vecchio-stile di normalizzazione neoliberista e uno scenario autoritario indicato dal ForumDD come grave rischio sin dal giugno 2020. È l’esito di una campagna elettorale dove, come mostrato dal ForumDD, i programmi dei partiti oppositori del centro-destra, solo in piccola parte rappresentavano la ricchezza di idee e le innovazioni maturate nel fermento sociale del Paese. E dove quei partiti, raramente hanno parlato delle proposte dei loro stessi programmi o si sono confrontati con le realtà sociali e del lavoro, con cittadine e cittadini. E mai hanno comunicato entusiasmo e speranza, scaldato gli animi. Affidandosi, invece, a simbolismi e immagini logori, paure, lusinghe».

Insomma, accusa il ForumDD, la grande e multiforme ricchezza sociale del Paese, con le sue visioni e proposte, è rimasta ignorata e inascoltata. In Italia ci sono «forme assai diverse dell’impegno civico, dei movimenti, dell’auto-organizzazione sociale, del lavoro, dell’impresa e dell’impresa sociale. Sono contesti solidali e investimenti sulle capacità delle persone in grado di riattivare in loro desideri, aspettative e progettualità e quindi anche economie e coesione. Ma non generano politica organizzata capace di tradurre i sentimenti della società in politiche e azioni».

Leggi l’analisi post-voto integrale del ForumDD

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.