Nessun articolo nel carrello

Il gesuita Berríos: non basta sostituire il card. Ezzati, è la Chiesa che deve cambiare

Il gesuita Berríos: non basta sostituire il card. Ezzati, è la Chiesa che deve cambiare

SANTIAGO DEL CILE-ADISTA. Niente celebrazione del Te Deum da parte del card. Ricardo Ezzati? Ci mancherebbe pure!, è l’opinione del sacerdote gesuita Felipe Berríos. «Non solo non è pastore di nessuno, ma ha perso l’autorità», ha dichiarato al quotidiano Cooperativa il 6 agosto. Per un vescovo, ha specificato, «una cosa è ricoprire un incarico, un’altra è avere autorità di pastore», e luinon ce l’ha più, «mantiene solo il titolo», per questo «sarebbe bene che lo cambiassero il prima possibile», che papa Francesco accettasse anche le sue dimissioni. E non solo le sue, ma quelle di tutti (si riferisce a quelle presentate in blocco a Roma: il papa ne ha accettate finora cinque).

Ma qui si pongono due problemi, secondo il gesuita: «Uno, non hanno chi mettere al loro posto; due, è lo stile della Chiesa che bisogna cambiare». «Finché ci saranno preti in talare  che bisogna chiamare padre o vescovi monsignore – ha argomentato –, finché continueremo a pensare che i laici sono lì per servirci, escludendo la donna dalla Chiesa, tutto continuerà come sempre». Insomma, «non basta cambiare lui [Ezzati] se manteniamo tutta la struttura, è quella che deve cambiare».

Sulla figura di vescovo che possa sostituire il card. Ezzati interviene drastico e sintetico Juan Carlos Cruz, una delle vittime del sacerdote abusatore seriale Fernando Karadima. «Credo – afferma – che nessuno dei vescovi attualmente presenti nella Conferenza episcopale debba diventare arcivescovo di Santiago». Hanno «tutti» qualcosa che ne compromette la credibilità: «Sarebbe una vergogna».

Foto di Javmoraga tratta da Wikipedia immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.