Nessun articolo nel carrello

In memoria di don Carlo Carlevaris. «La gente è là e io pure»

In memoria di don Carlo Carlevaris. «La gente è là e io pure»

Tratto da: Adista Segni Nuovi n° 27 del 21/07/2018

L’istituzione Chiesa, il suo atteggiamento precettistico, la rigidità di alcuni aspetti della sua morale, il timore di perdere la sua presenza autoritativa, paiono mostrare un cristianesimo che non è capace di far lievitare le molte potenziali risorse che l’uomo di oggi sarebbe in grado di esprimere. Può darsi che i preti operai siano stati deboli testimoni di speranza e di vita in questi decenni, che non abbiano avvenire. Oggi vivono nelle loro carni le paure e i disagi di questo tempo esaltante per i suoi risultati scientifici, ma angosciante per il futuro dei più deboli della società. Da questa situazione totalmente condivisa essi lanciano un grido alla Chiesa, alle comunità dei credenti, perché insieme trovino il coraggio di un annuncio che sia testimonianza e denuncia dei mali, e insieme voce di speranza nella fede e nella radicalità evangelica. Con i miei fratelli, i p.o., siamo partiti a piantare la nostra tenda tra le popolazioni da cui la nostra Chiesa si era allontanata con l'avvento del capitalismo. È stata una migrazione senza ritorno. Ora che lavoro sono diverso, membro di un popolo, non vicino né sopra, ma dentro. Le sue gioie e pene sono le mie, io sono passato dall'altra parte del muro. Il mio problema non è più cercare di raggiungere questo mondo e come risolverlo: la gente non è là in basso: essi sono là e io pure». Così scriveva don Carlo Carlevaris nel marzo 1998 su Itinerari.

Di lui con commozione ricordo incontri, dialoghi, la lucidità delle scelte di vita, coraggiose, in punta di piedi con una grande pressione ambientale e una sostanziale ostilità ecclesiastica. Gli scossoni del Concilio e del 1968, il senso della storia e l’amore per il mondo, una coscienza partecipativa hanno dato “concretezza” a un modo diverso di esercitare il ministero di prete. Con noi PO ha condiviso fatti e motivazioni. Leader indiscusso, abile e polemico nel dialogare, intelligente e divisivo, sempre con stile comunitario e finalità chiare, coinvolse la gente in esperienze di fede fuori dai cerchi magici.

La fabbrica, il lavoro manuale (fece carriera, punito a lavare cessi in fabbrica), il sindacato, la Camminare insieme, la GIOC giovani e adulti, i preti operai nazionali, europei e internazionali, il Centro Studi Bruno Longo sono la memoria di un tempo ingombrante, doloroso e pagato a caro prezzo… per molti lontano, ideologico e passato. Per me sono volti e nomi, un archivio da conservare perché in esso non c’è un linguaggio retorico, liturgico e stantio, ma sacro come la vita e il lavoro delle donne e degli uomini. Non ci sono i monumenti sui piedistalli o le visibilità cercate e ostentate, ma il racconto di vite e di situazioni sempre nuove di lavoro e non lavoro, di migrazioni con accoglienze o respingimenti: questi temi hanno accompagnato i nostri incontri di PO nella mansarda di don Carlo, in via Belfiore a Torino.

La Revisione di vita a partire da Nazareth e la riscoperta dell’Incarnazione, l’esperienza della vita povera, Voillaume, Charles de Foucault, p. Chevrier, Carlo Carretto, la preghiera, la solitudine e il deserto sono stati i criteri di lettura dei grandi avvenimenti sociali, della trasformazione del lavoro, dei percorsi di liberazione e di presa di coscienza dallo stare “con” a diventare “come loro”. Senza abbandonare la stola, prendendo dimestichezza con il grembiule, nel leggere i segni dei tempi e archiviarne con cura le tappe dei percorsi.

Ho condiviso la sua visione della cooperazione con l’Associazione Come noi, con il sostegno a progetti e persone che avevano a cuore questi cammini di liberazione. Bella e profonda l’amicizia di Carlo prete operaio con Sergio prete contadino in Brasile. In questo modo manifestava che cosa significhi essere evangelizzati dalla fabbrica e dalla fraternità.

Camminare libero, con gli altri, povero nel vivere e nell’abitare. La sua testimonianza in questo stile di vita contagioso nel suo quartiere, San Salvario: visitare persone invisibili, accogliere persone impresentabili, disturbare la coscienza dei benpensanti e la quiete dei dogmi. Alla ricerca di soluzioni plurali. A casa sua c’era posto per “altri” in crisi di identità, esistenziale, affettiva, di ruolo… Preti e laici, credenti e non, cattolici, ortodossi e protestanti sono stati ospitati, accompagnati con un ascolto attento, stimolati da domande adatte a ricomporre in unità esistenze turbate, per ridare senso a servizi ridottisi a mera osservanza di regole, ridando protagonismo e responsabilità. Li accompagnava con la preghiera per non perdere la dimensione del tempo e la pazienza della storia.

Alla fine della sua vita la “rapsodia del silenzio” con temi ricorrenti e variati, appena accennati, come domande misteriose che ci aiuteranno a ricomporre la sua e nostra vita in ascolto della realtà, delle persone, dei popoli: esperienza rara e difficile, in lui non negoziabile.

La “comunicazione” con le fasce popolari impoverite è di grande importanza, ha fatto parte della nostra costante ricerca. Ci ha permesso di aver chiaro chi sono i vinti e chi i vincitori, di individuare meglio le “menzogne” con cui vengono mascherate queste “precarietà”. “Camminare insieme”, la sua passione.  

* Gino Chiesa è prete operaio di Alba in pensione

* * Operai al lavoro sul tetto di Palazzo Madama a Roma. Foto [ritagliata] di Marianna del 2009 - tratta da Flickr, immagine originale e licenza

 

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.