Nessun articolo nel carrello

Teologo Lgbt Usa definito «blasfemo» dal vescovo

Teologo Lgbt Usa definito «blasfemo» dal vescovo

WORCHESTER-ADISTA. «Estremamente offensive e blasfeme»: così sono state descritte le opere del teologo statunitense Tat-siong Benny Liew, docente di Nuovo Testamento presso il gesuita College of the Holy Cross, che da dieci anni si occupa di teologia Lgbt, dal vescovo di Worchester (Massachusetts) mons. Robert McManus, innescando una controversia che ha infiammato i mass media. In una dichiarazione, il vescovo ha affermato che il teologo «mette in dubbio la sessualità maschile di Gesù Cristo basandosi su una analisi gravemente erronea di alcuni testi del Vangelo di Giovanni. Sono molto tormentato e preoccupato di sentire che una persona che detiene una cattedra in Nuovo Testamento al College of the Holy Cross abbia scritto concetti così offensivi e blasfemi. Posizioni di questo genere non hanno posto negli studi biblici di un docente che insegna in un college cattolico e che, in quanto tale, dovrebbe supportare l’identità cattolica e la missione del college. Chiaramente le conclusioni bibliche del professor Liew sono false e perverse». McManus ha fatto riferimento al documento del Vaticano Ex corde ecclesiae sul ruolo delle istituzioni cattoliche e il loro rapporto con i vescovi locali (documento del 1990 che fu molto criticato per i limiti che poneva alla libertà accademica), affermando che il College in questione dovrebbe ricusare l’opera di Liew, evitando di fornire «una copertura a un insegnamento chiaramente non ortodosso».

Liew, in diversi scritti, ha indagato i modi in cui gli autori dei vangeli raffigurano Gesù in ruoli non tradizionali dal punto di vista del gender. Il college lo ha sempre difeso, pur esprimendo a volta disaccordo: «Conosco il professor Liew come insegnante appassionato e studioso impegnato. È un uomo di fede e lui e la sua famiglia cono membri attivi di una comunità di fede. La libertà accademica – ha detto il presidente, il gesuita p. Philip Boroughs - «è uno dei punti centrali di un’educazione umanistica. Gli studiosi in tutte le discipline sono liberi di ricercare, criticare, commentare e spingere più in là i confini del pensiero generalmente condiviso».

* Foto di Chris Koutros tratta da Openphoto, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.