Nessun articolo nel carrello

Comunicato stampa dell'Uaar su Chiesa e Ici

Comunicato stampa dell'Uaar su Chiesa e Ici

Riportiamo il seguente comunicato stampa dell’Uaar (Unione degli Atei e degi Agnostici Razionalisti) in cu si esprime soddisfazione per le recenti parole dell’avvocato generale della Corte Europea.

«Accogliamo con favore le parole dell’avvocato generale della Corte Europea in merito all’Ici non pagata dalla Chiesa e speriamo che queste parole si traducano presto in una sentenza che sancisca in via definitiva come uno Stato che voglia definirsi tale ha l'obbligo di essere fiscalmente efficiente anche con la Chiesa». Questo il commento della portavoce e responsabile iniziative legali dell'Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Adele Orioli, alle parole dell’avvocato generale della Corte Europea, il belga Melchior Wathelet, che ieri ha dichiarato che la Chiesa deve restituire l’Ici non pagata nel periodo 2008-2012. Secondo Wathelet il mancato recupero di quanto era già stato ritenuto un aiuto illegale di Stato non può infatti essere giustificato dall’“l’impossibilità di recupero dell’aiuto a causa di difficoltà organizzative”, motivazione con cui il Tribunale Ue nel 2016 aveva respinto il ricorso presentato dalla Scuola Montessori e da Pietro Ferracci, titolare di un piccolo bed and breakfast vicino Roma. «Non esultiamo però finché non sarà scritto nero su bianco», prosegue Orioli: «Possiamo solo immaginare infatti quali pressioni politiche si tenterà di esercitare… E peraltro è scolpito nella nostra memoria il caso Lautsi sul crocifisso nelle aule delle scuole pubbliche: dopo innumerevoli sentenze e ricorsi la Corte Europea stabilì infatti che fosse un simbolo passivo». «Speriamo in un sussulto di laicità della Corte – conclude Orioli – in modo che lo Stato italiano riesca finalmente a incamerare il denaro che gli spetta».

Contatto:

uffstampa@uaar.it - 320.02.23.130

* foto di Luca Serazzi, tratta da Flickr, licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.