Nessun articolo nel carrello

Comunione ai coniugi non cattolici in Germania: vescovi tedeschi critici verso Roma

Comunione ai coniugi non cattolici in Germania: vescovi tedeschi critici verso Roma

 BERLINO-ADISTA. Alcuni vescovi tedeschi hanno reagito con sorpresa e costernazione alla retromarcia del Vaticano sulla possibilità, in taluni casi, di permettere a protestanti sposati con cattolici di ricevere la comunione (v. Adista Notizie n. 22/18). Dopo la reazione immediata del card. Reinhard Marx, presidente dei vescovi tedeschi, che in un comunicato ha sottolineato che «durante la conversazione del 3 maggio 2018 a Roma, ai vescovi presenti alla riunione era stato detto che avrebbero dovuto trovare, nello spirito della comunione ecclesiale, una regolamentazione “possibilmente unanime". Il Presidente è quindi sorpreso che questa lettera sia arrivata da Roma anche prima che venisse trovata una tale regola unanime», è tornato a commentare la vicenda il vescovo di Magdeburgo e presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale tedesca, mons. Gerhard Feige. In un editoriale sull’agenzia dei vescovi, katholisch.de, il 6 giugno scorso ha espresso disappunto per la risposta di Roma, criticando «il doppio standard morale» di alcuni vescovi che esprimono dubbi al Vaticano ma poi, nelle loro diocesi, permettono ai protestanti di fare la comunione per ragioni pastorali.

Il 7 giugno, anche il card. Walter Kasper – già vescovo di Rottenburg-Stuttgart dal 1989 al 1999 e presidente emerito del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani - si è fatto sentire con un editoriale sul sito della Conferenza episcopale. Dopo essersi detto «furioso» per il fatto che la lettera vaticana al card. Marx sia stata data alla stampa prima che raggiungesse il suo destinatario, Kasper ha espresso «perplessità» e ha rifiutato la critica secondo cui la proposta partita dalla Germania costituirebbe una “strada eccezionale”. Si è detto poi «tanto più sorpreso»dal momento che in alcune diocesi tedesche la comunione ai coniugi non cattolici è già una prassi diffusa, senza che alcun vescovo trovi da ridire. La mano tesa ai protestanti, ha scritto, non è una normalizzazione generica, ma segno di un approccio che guarda «alla decisione individuale di coscienza e di consulenza pastorale».

* Foto del card. Walter Kasper del CTV tratta da Wikimedia Commons, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

Nel 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.