Nessun articolo nel carrello

Corridoi umanitari Libia, Garrone (Fcei): «Non è carità ma attuaizone della Costituzione»ela diritti umani.   Grazie a chi salva vite in mare

Corridoi umanitari Libia, Garrone (Fcei): «Non è carità ma attuaizone della Costituzione»ela diritti umani. Grazie a chi salva vite in mare"

ROMA-ADISTA. Daniele Garrone, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), dichiara: «Siamo di fronte a un fatto rilevante anche sul piano internazionale: con questo corridoio umanitario dalla Libia, l'Italia conferma una strategia pilota che ha dato frutti importanti. Grazie ai corridoi umanitari, infatti, migliaia di rifugiati hanno trovato protezione in Italia seguendo una via legale e sicura, e sono stati accompagnati in un percorso di integrazione che ha dato frutti evidenti e riconosciuti. 

L'apertura di un corridoio dalla Libia dimostra l'importanza e l'efficacia di un rapporto tra società civile e istituzioni - a iniziare dai Ministeri dell'Interno e degli Affari esteri -  che speriamo possa essere ulteriormente incrementato. 

Le azioni come quelle dei corridoi umanitari non vanno ridotte a gesti caritatevoli di anime pie ma hanno a che fare con i principi della nostra Repubblica democratica costituzionale e con una visione dell’Unione europea fondata sulla tutela e la promozione dei diritti umani.

Come chiese evangeliche ci sentiamo impegnati a sviluppare questa strategia e più volte ci siamo rivolti alle nostre chiese sorelle in Europa, come quella tedesca, perché sostenessero lo sforzo italiano e adottassero provvedimenti analoghi. E sappiamo che su questo piano europeo molto resta ancora da fare.

Mentre ci rallegriamo per questo arrivo, pensiamo anche a chi dalla Libia approda a Lampedusa con l’animo e il corpo feriti e a chi ha salva la vita grazie ai soccorsi in mare. A tutti coloro che si prodigano in questi salvataggi – forze istituzionali  e organizzazioni della società civile, qui anche con il sostegno della più grande chiesa protestante in Europa  – va la nostra riconoscenza.

La tragedia delle morti nel Mediterraneo impone scelte coraggiose e generose, coerenti con i nostri principi costituzionali e, per noi protestanti, con il dovere evangelico del soccorso a chi soffre ed è in pericolo. Siamo di fronte a una sfida complessa che ci impone di adottare strumenti diversi e complementari. Il nostro Paese ha risorse materiali ed energie morali capaci di affrontare anche questa sfida».  

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.