Nessun articolo nel carrello

Come e dove si custodisce la democrazia: XLIV Convegno Bachelet

Come e dove si custodisce la democrazia: XLIV Convegno Bachelet

"Per una (r)esistenza democratica. Come e dove si custodisce la democrazia” è il tema attorno al quale si articolerà il XLIV Convegno Bachelet promosso dalla presidenza nazionale dell’Azione Cattolica italiana e dall’Istituto Bachelet per i giorni 9 e 10 febbraio 2024 a Roma, presso TH Domus Mariae, via Aurelia 481.

«Percorriamo un tornante della storia in cui certamente è necessario vigilare perché la democrazia continui ad esistere. Non possiamo viverla come un fatto scontato, instaurato una volta per tutte – così il presidente del Consiglio scientifico dell’Istituto per lo studio dei problemi sociali e politici “Vittorio Bachelet”, Franco Miano, presentando l’iniziativa –. Osserviamo il disinteresse di ampie fasce della popolazione per la vita politica, che si esprime al massimo grado al momento elettorale in cui si registrano tassi di astensione che superano talvolta il 50 per cento degli aventi diritto. Tutto questo ci porta a impegnarci per un’opinione pubblica quanto più informata e consapevole, per un corpo elettorale capace di pensiero critico e, di conseguenza, di scelte compiute a ragion veduta».

Parole da cui si evince la centralità dei mezzi di comunicazione, entrati in Italia in una crisi che oramai dura da decenni e non permette di intravvedere la luce in fondo al tunnel. Ma non è solo una questione di giornali, tv o informazione digitale. «È necessario tornare a coltivare i luoghi in cui si fa esperienza di democrazia nelle sue diverse espressioni fin da piccoli – riprende Miano –. Pensiamo in particolare alla scuola, all’università, al mondo del lavoro con il sindacato, al terzo settore animato da associazioni e cooperative che eleggono i propri organi rappresentativi, ma pensiamo anche alla Chiesa che ha imboccato con decisione il cammino sinodale tuttora in corso».

Di questo e di altro ancora si discuterà al XLIV Convegno Bachelet, dedicato alla memoria del giurista e presidente nazionale dell’Ac, barbaramente assassinato dalle Brigate rosse il 12 febbraio 1980. Due le sessioni dell’incontro che sarà avviato venerdì 9 febbraio pomeriggio (dalle 15.00 alle 18.30 circa) con l’Introduzione al convegno Il metodo democratico come modo d’essere e come stile di Franco Miano, presidente del Consiglio scientifico dell’Istituto Bachelet.

A seguire, la Prima sessione - parte prima La democrazia nelle (e attraverso le) formazioni sociali ne discutono Carla Danani, Università di Macerata, Ludovica Mangiapanelli, vicesegretaria del Movimento Studenti di Azione Cattolica, Vera Negri, Università di Bologna. Prima sessione - parte seconda La comunità ecclesiale di fronte alle sfide della democrazia ne discutono Giuseppe Notarstefano, presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana mons. Luigi Renna, arcivescovo di Catania e presidente del Comitato scientifico delle Settimane sociali. Presiede e modera i lavori della sessione Agatino Giuseppe Lanzafame, direttore dell’Istituto Bachelet.

Sabato 10 febbraio mattina (dalle ore 9.00 alle ore 13.00 circa). Seconda sessione L’armonia democratica. Pluralismo è democrazia. Presiede e modera Gian Candido De Martin già presidente del Consiglio scientifico dell’Istituto Bachelet. Interventi Pluralismo istituzionale, autonomie locali e democrazia di Giusy Caminiti, sindaco di Villa San Giovanni, Pluralità dei centri di potere ed equilibrio tra poteri di Stefano Ceccanti, Università “La Sapienza” di Roma, Pluralismo economico e democrazia di Monica Di Sisto, giornalista, esperta di economia e cooperazione internazionale, Pluralismo dell’informazione e democrazia di Marco Ferrando, vicedirettore di Avvenire. Segue dibattito.

A chiusura dei lavori, la consegna del Premio “Vittorio Bachelet” per tesi di laurea edizione 2023.

Venerdì 10 febbraio alle ore 19.00, presso la Chiesa della Domus Mariae, mons. Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell’Ac, presiederà una Santa Messa in memoria di Vittorio Bachelet, nel 44° anno dalla sua morte.

Per maggiori informazioni: https://azionecattolica.it/incontri/per-una-resistenza-democratica/

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.