Nessun articolo nel carrello

Premierato e autonomia differenziata: le ragioni del no. Se ne discuterà a Firenze

Premierato e autonomia differenziata: le ragioni del no. Se ne discuterà a Firenze

«Premierato e autonomia differenziata, le – urgenti – ragioni del no». È il titolo del Convegno nazionale che si svolgerà dopodomani, 10 febbraio, a Firenze, dalle ore 9,45 alle ore 18 all’auditorium di Sant'Apollonia, in via S. Gallo n. 25 a Firenze.

La giornata è organizzata dal “Coordinamento Democrazia Costituzionale”, “Libertà e Giustizia” e  “Salviamo la Costituzione” allo scopo di organizzare «le condizioni perché ci sia una forte opposizione a difesa della Costituzione repubblicana, contro la spaccatura del Paese e contro la deriva plebiscitaria che la destra vuole imporre col presidenzialismo».

Nella mattina (ore 9,30-13,30) sono previste le relazioni di costituzionalisti, magistrati, giuristi e sociologi: Alessandra Algostino, Gaetano Azzariti, Beniamino Deidda, Domenico Gallo, Tomaso Montanari, Daniela Padoan, Marco Revelli e Massimo Villone, coordinati da Silvia Manderino, vice presidente CdC e da Simona Maggiorelli, direttrice di LEFT, con lo scopo di informare i cittadini sui contenuti della riforma e sui rischi concreti che il Paese corre.

Nel pomeriggio (ore 14,40 – 18) si terrà la tavola rotonda tra i comitati, i rappresentanti delle  principali associazioni della “Via Maestra” (ANPI, ARCI, CGIL) e di tutti i partiti che si oppongono alla riforma del premierato, moderati da Riccardo Putti, coordinatore CdC di Siena, «in modo da sviluppare, fin da subito – precisa il comunicato che invita alla partecipazione – una proficua collaborazione per la campagna referendaria che possa servire a cementare, su tutto il territorio nazionale, la necessaria reazione alla grave deriva in cui il Paese viene trascinato dal governo di destra».

Gli organizzatori si pongono lo scopo, continua il comunicato, di «ottenere dai partiti la garanzia che la riforma non passi con i 2/3 dei voti del Parlamento, condizione che impedirebbe il ricorso al referendum costituzionale oppositivo, nonché l’impegno per una futura campagna referendaria a favore del NO. La giornata sarà dedicata a Francesco Baicchi, scomparso il 28 ottobre 2023, coordinatore dei comitati di difesa della Costituzione toscani che, nel 2006 e nel 2016, si sono spesi nella raccolta firme e nella campagna referendaria, che ha portato alla vittoria del NO nei precedenti referendum costituzionali. Un primo passo largo, partecipato e concreto per sviluppare una risposta che deve essere all’altezza della sfida che abbiamo davanti, a cui dare un contributo di continuità».

*La Costituzione Italiana stampata ad Aielli (Abruzzo, Italia). Foto ritagliata di Marica Massaro tratta da Commons Wikimedia, immagine originale e licenza

Adista rende disponibile per tutti i suoi lettori l'articolo del sito che hai appena letto.

Adista è una piccola coop. di giornalisti che dal 1967 vive solo del sostegno di chi la legge e ne apprezza la libertà da ogni potere - ecclesiastico, politico o economico-finanziario - e l'autonomia informativa.
Un contributo, anche solo di un euro, può aiutare a mantenere viva questa originale e pressoché unica finestra di informazione, dialogo, democrazia, partecipazione.
Puoi pagare con paypal o carta di credito, in modo rapido e facilissimo. Basta cliccare qui!

Condividi questo articolo:
  • Chi Siamo

    Adista è un settimanale di informazione indipendente su mondo cattolico e realtà religioso. Ogni settimana pubblica due fascicoli: uno di notizie ed un secondo di documentazione che si alterna ad uno di approfondimento e di riflessione. All'offerta cartacea è affiancato un servizio di informazione quotidiana con il sito Adista.it.

    leggi tutto...

  • Contattaci

  • Seguici

  • Sito conforme a WCAG 2.0 livello A

    Level A conformance,
			     W3C WAI Web Content Accessibility Guidelines 2.0

50 anni e oltre

Adista è... ancora più Adista!

A partire dal 2018 Adista ha implementato la sua informazione online. Da allora, ogni giorno sul nostro sito vengono infatti pubblicate nuove notizie e adista.it è ormai diventato a tutti gli effetti un giornale online con tanti contenuti in più oltre alle notizie, ai documenti, agli approfondimenti presenti nelle edizioni cartacee.

Tutto questo... gratis e totalmente disponibile sia per i lettori della rivista che per i visitatori del sito.